Il segreto della minestra perfetta? Occhio alle proporzioni

Per riscaldarsi dopo una giornata fuori in inverno, cosa c'è di meglio di un bel brodino? Ecco il segreto per preparare la minestra perfetta

18 Novembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

La stagione estiva, con le sue giornate calde e afose, ci invita a portare in tavola alimenti rinfrescanti, come insalate e paste fredde (qui sei ricette facili e veloci da provare). In inverno, invece, quando le temperature esterne si abbassano e iniziamo ad accendere i riscaldamenti (ecco il trucco per risparmiare), abbiamo sempre più voglia di piatti caldi, che possano coccolarci durante una giornata di pioggia o particolarmente grigia. E cosa c’è di meglio di una buona minestrina? La pastina in brodo è una pietanza semplice, che può essere preparata in vari modi, a seconda dei gusti: ma qual è il segreto della minestra perfetta?

Per godere al meglio dei benefici di questo piatto invernale per eccellenza, bisogna scegliere il formato di pasta giusto e preparare un brodo saporito. Il condimento per la nostra pastina è importantissimo per soddisfare al meglio il palato e molta attenzione deve essere riposta alla qualità degli ingredienti scelti.

In un buon brodo di carne, quello più comune e diffuso, non possono mancare ad esempio carota e cipolla, che si sposano bene anche con il brodo di pollo. Per la scelta della carne, se non siete molto esperti, basta affidarsi ai consigli del macellaio di fiducia. Un’altra variante è il brodo di pesce, che viene particolarmente saporito con le gallinelle o con le teste di qualsiasi tipo di pesce. E che dire del brodo vegetale? Un’idea semplice e leggera (ecco quanto si può conservare) adatta anche ai vegani.

Ma veniamo ora al formato di pasta che dovrà pare consistenza alla nostra minestrina. Anche in questo caso, è sempre una questione di gusti: via libera a stelline, corallini, filini e anellini, ad esempio. E se dopo aver preparato il brodo, vi rendete conto di aver terminato la pastina? Niente paura: spezzate in piccoli pezzi spaghetti o linguine e il risultato sarà comunque delizioso.

Un’ultima accortezza per preparare la minestra perfetta va dedicata alle quantità di pasta e brodo da utilizzare. Per molti, la proporzione ideale per ottenere un piatto davvero ben riuscito è quella che prevede di cuocere 40 grammi di pastina ogni 250 grammi di brodo. Se state utilizzando pasta all’uovo, però, ricordate di aumentare le dosi del liquido.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti