Il segreto di una ottima memoria risiede nell'attività sessuale prolungata

Secondo recenti studi un'attività sessuale intensa e regola permette di migliorare la memoria, soprattutto quella inerente alle parole

Fonte: Pixabay

Una ricerca canadese, realizzata dalla McGill University e pubblicata sulla rivista Archives of Sexual Behaviour, ha affermato che il segreto per avere una buona memoria si trova proprio nell’avere un’attività sessuale intensa e regolare. Sono state prese a campione 78 giovani donne, la cui età era compresa tra i 18 e i 29 anni, che sono state sottoposte a molte domande inerenti alla loro vita sessuale.

Successivamente è stato somministrato alle giovani donne un test di memoria. Il test richiedeva alle ragazze di memorizzare un gruppo di 60 parole e volti, in seguito dovevano riconoscere le immagini memorizzate e estrapolarle da un gruppo di 90 immagini. Lo scopo era quello di indagare sulla memoria a breve termine.

I risultati della ricerca

I punteggi più alti nel test sono stati raggiunti dalle donne che dichiaravano di avere un’attività sessuale regolare e intensa. Inoltre, vengono ricordate più facilmente le parole che i volti, questo perché, come è stato dimostrato in diversi studi, il sesso aiuta la neurogenesi, ovvero la creazione di neuroni nell’ippocampo, la zona dove si sviluppa il ricordo delle parole.

Il riconoscimento dei volti, invece, è legato ad altre zone del cervello. Alla luce di questi risultati però ci sono pareri contrastanti sulla correlazione tra sesso e intelligenza. Un secondo studio ha, infatti, dimostrato che gli studenti più intelligenti hanno iniziato a fare sesso più tardi rispetto alla media.

I benefici del sesso

Sempre secondo diverse ricerche, condotte negli anni, fare sesso allunga la vita. Per esempio, fa passare il mal di testa, ebbene si, uno studio dell’Università di Munster ha scoperto che l’attività sessuale è un perfetto antidoto contro la cefalea a grappolo, una forma di mal di testa molto dolorosa. Da non dimenticare che, sempre secondo questo studio, il sesso rilascia delle endorfine che sono degli antidolorifici naturali che permettono di alleviare il dolore.

L’attività sessuale può anche essere una cura per la sindrome di Ekbom, ovvero la sindrome delle gambe senza riposo. Questa sindrome, che colpisce soprattutto le donne, provoca un desiderio incontenibile di muovere le gambe e si percepiscono continui formicolii. Uno studio ha dimostrato come un gruppo di pazienti abbia riportato lo stesso beneficio ma con l’uso della dopamina.

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti