Il sesso allunga la memoria nelle persone di mezza età

Tra i benefici del sesso ne annoveriamo anche uno legato al benessere mentale delle persone over 50

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

L’amore è una cosa meravigliosa, ma anche il sesso non scherza: anche perchè ha inaspettati benefici non solo sulla psiche, ma anche sulla salute del corpo.

Uno studio australiano di qualche anno fa ha individuato un preciso effetto collaterale benefico per gli over 50: il sesso contribuisce ad aumentare la capacità della memoria a breve termine. L’effetto però, attenzione, è temporaneo: bisogna quindi che l’attività sessuale sia costante per osservare miglioramenti stabili. Il succo della ricerca è che il sesso favorisce la memoria stimolando la crescita dei neuroni nell’ippocampo, una parte del cervello che si attiva proprio quando si chiama in causa la memoria.

Ma i benefici del sesso non finiscono qui: secondo la rivista Medical News Today, ci sono ricadute positive per tutto il corpo quando si mantiene una costante attività sessuale.

Ne beneficia sicuramente la mente, con livelli di stress che si abbassano e autostima che sale, ma anche il cuore: pensate che gli uomini che hanno una regolare vita sessuale hanno il 45% in meno di possibilità di avere disturbi cardiaci (American Journal of Cardiology). E chi soffre già di cuore può dedicarsi all’attività sessuale con tranquillità: non si rischia l’infarto, assicurano in cardiologi.

Il sesso inoltre migliora il sonno ed è un ottimo aiuto per gli emicranici: è stato confermato da vari studi che chi soffre di emicrania o di cefalea a grappolo riscontra una diminuzione del dolore grazie all’attività sessuale, grazie al rilascio di endorfine nel cervello.

Il sesso è anche un’arma di prevenzione da non sottovalutare contro il cancro alla prostata: secondo una ricerca condotta dal National Cancer Institute di Bethesda (Usa), un uomo che eiacula 21 volte o più al mese ha un terzo di rischio in meno di sviluppare un tumore alla prostata rispetto a uno che eiacula 4-7 volte nello stesso tempo. Questo perchè lavorando continuamente la prostata non accumula microcalcificazioni cristalloidi (associati al rischio di tumore) e le eiaculazioni frequenti eliminano eventuali agenti cancerogeni.

 

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti