Il successo dell'azienda che produce solo patatine rotte

Un’azienda statunitense ha raggiunto un grande successo commercializzando solo patatine rotte

Fonte: Twitter

Un’azienda americana ha raggiunto il successo producendo solamente patatine rotte. Si chiamano “Fail Chips” e si ispirano al fatto che le patatine rotte sono sempre considerate un “fail”, ossia un errore. Questa società realizza solamente patatine in pacchetto rigorosamente rotte. L’idea parte da una ricerca di mercato secondo la quale i consumatori preferirebbero soprattutto le patatine che si trovano alla fine del pacchetto e che notoriamente sono sbriciolate, ma soprattutto particolarmente gustose, tanto che spesso si mangiano in un sol boccone.

L’idea delle “Fail Chips” è stata decisamente vincente e ha permesso all’azienda di raggiungere un grandissimo successo. “A volte non riuscire a fare le cose che ti sei prefissato può portare ugualmente a grandi innovazioni” ha raccontato Mark DiCristina, direttore marketing di Mail Chimp, l’azienda che crea le Fail Chips. La novità delle Fail Chips è piaciuta così tanto che i primi pacchetti realizzati sono andati a ruba ed è già mania.

Non è la prima volta che le amatissime patatine in pacchetto diventano oggetto del desiderio grazie ad un’idea particolare. Qualche tempo fa un’azienda aveva ottenuto un grandissimo successo commercializzando delle patatine in pacchetto di lusso al costo di 50 euro. Il pacchetto, se così vogliamo chiamarlo, era in realtà un cofanetto contenente solo quattro patatine, realizzate dallo chef del birrificio svedese St. Eriks Brewer.

Il prezzo alto era giustificato dagli ingredienti usati dal grande chef Pi Le per realizzarle, ossia i funghi matsutake, una varietà pregiata del Giappone, tartufo nero e un’alga che si trova solamente nelle acque delle Isole Faroe. Un oggetto di lusso, molto diverso dalle Fail Chips, che invece sono rivolte ad un altro target. Entrambi i prodotti hanno però in comune un’idea particolare e fuori dal comune che si è rivelata vincente.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti