Il whiskey che invecchia nello spazio

Torna a casa Whiskey, è il nuovo titolo dell'episodio ultragalattico di un whisky che realmente è salito sullo spazio

La distilleria Ardbeg su Islay ha fatto saltare composti di malto non maturati dall’ ISS in una navicella cargo senza equipaggio nel mese di ottobre 2011, insieme a particelle di quercia carbonizzata.

La fiala – appositamente progettata per la missione – è stata in orbita terrestre a 17,227 mila miglia all’ora, 15 volte al giorno per 1.045 giorni sull’ ISS.

Il ritorno a casa del whiskey

Ora è il momento del ritorno a casa. L’atterraggio del composto singolo di malto è previsto su un terreno solido in Kazakistan a bordo di un razzo il 12 settembre, prima di prendere la sua strada verso Houston.Gli scienziati li hanno confrontati per esaminare l’interazione delle molecole artigianali di Ardberg con la quercia carbonizzata per vedere quali differenze si verificano tra whisky della Terra e il whisky dello spazio.
Questo potrebbe davvero essere un concorrente per una bevanda che è ‘fuori – da – questo – mondo’?Il Dr Bill Lumsden, direttore di Adberg e creatore della distillazione del whisky, ha detto: “Ardbeg è noto per correre rischi nello sviluppo di alcuni dei whisky più ambiti al mondo, quindi è giusto che sia la prima distilleria nello spazio. Siamo ormai vicini alla fine, vicini al trovare risposte a qualcosa precedentemente sconosciuto, che è davvero emozionante “.

Piccolo passo per l’uomo, grande passo per il whisky

“Questo è un piccolo passo per l’uomo ma un grande passo per il whisky e la squadra spera di scoprire come i sapori si sviluppano in condizioni gravitazionali diversi e i risultati che potrebbero rivoluzionare il processo di fare il whisky.

“Speriamo di trovare una nuova luce sugli effetti della gravità sul processo di maturazione, ma chi sa dove ci porterà? Potrebbe essere verso l’infinito e oltre “.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti