In Liguria è stato avvistato uno squalo di 5 metri

Uno squalo bianco al largo di Genova ha divorato il pesce spada che un equipaggio stava issando sul peschereccio.

12 Luglio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

In questo inizio estate il Mar Ligure sembra avere un abitante in più, avvistato solo qualche giorno fa al largo della costa. Nelle acque di Genova, infatti, un equipaggio imperiese è incappato in uno squalo bianco lungo ben cinque metri e l’incontro non è stato certo dei più rassicuranti. “Uno choc”, questo il commento di uno dei protagonisti sulle colonne de La Stampa.

E possiamo solo immaginare quantomeno la sorpresa davanti a una presenza così ingombrante e pericolosa. Carlo Auditore dal suo peschereccio si è ritrovato faccia a faccia con l’animale e solo in un momento successivo ne ha mostrato la fotografia a un biologo. Lo studioso ha immediatamente riconosciuto l’esemplare di carcarodonte. “Un bestione – continua il pescatore sul quotidiano online – che si è divorato un pesce spada che aveva abboccato all’amo”.

Insomma, lo squalo si è subito messo al lavoro per dimostrare di pasta è fatto e non si è lasciato sfuggire l’occasione per ribadire la pericolosità della sua natura di predatore marino. Emerso dalle acque profonde del mare della Liguria, l’animale ha sottratto al peschereccio il suo bottino mentre veniva issato a bordo. Non una scena comune per le nostre coste.

Colpiti, e impauriti, dall’aggressione dello squalo, i marinai hanno immortalato quel momento portandone le testimonianze agli esperti. Ovviamente è stata allertata anche la Guardia Costiera che ha provveduto a monitorare la zona ma per ora non sono stati rilevati successivi avvistamenti.

L’attenzione, quindi, è innanzitutto volta a tutelare la sicurezza del raro esemplare che, secondo l’ipotesi più accreditata, potrebbe aver perso la rotta. Non è comune, infatti, che tale specie si spinga così a Nord nel Mar Mediterraneo pertanto è fondamentale controllarne gli spostamenti e se necessario intervenire per fornire assistenza.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti