In Russia il primo monumento ai Pokemon? (no, è uno scherzo)

I Pokémon invadono la realtà con l'estro creativo degli appassionati: in una città russa una sfera di granito viene ridipinta come una vera Poké Ball

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Twitter

Un monumento Pokémon è misteriosamente apparso in una piazza della città di Yekaterinburg, in Russia, dove un artista ha ridipinto una scultura di granito rendendola simile ad una vera e propria Poké Ball. Per chi non lo sapesse, l’opera ritrae lo stesso oggetto che milioni di giocatori di tutto il mondo utilizzano virtualmente ogni giorno per catturare le creature del titolo mobile Pokémon Go, il videogioco del momento. Se da una parte è vero che alcuni potrebbero considerare il fenomeno quasi un’ossessione, dall’altra è impossibile non ammirare i lavori svolti dai grandi appassionati.

Il caso della Poké Ball di Yekaterinburg ha già ampiamente fatto parlare di sé, ma sorprendentemente ha raccolto più pareri positivi che negativi. A tal proposito si è espresso anche il sindaco della città, che ha brevemente commentato: “Non ci vedo nulla di male”. Nemmeno la polizia sembra volersi mobilitare per la rimozione dell’opera, o almeno non sembra intenzionata a farlo fino al 18 agosto, data del City Day di Yekaterinburg. Alcuni cittadini locali sospettano che perfino il sindaco abbia un effettivo interesse verso i Pokémon, probabilmente finito contagiato dall’inarrestabile fenomeno Pokémon Go. Nonostante i tanti apprezzamenti da parte di istituzioni e abitanti locali, l’autore preferisce mantenersi anonimo.

L’omaggio artistico ai famosi Pokémon ha però dei precedenti. Stando a quanto riportano i principali siti di cronaca estera, già in passato lo stesso monumento è stato oggetto di una decisa reinterpretazione a tema Angry Birds, ma anche in quel caso nessuno ha voluto punire la vena creativa di questi appassionati artisti anonimi. Altrove, nello specifico a New Orleans, è addirittura apparsa una vera e propria statua dedicata alla star Pikachu.

Mentre altre opere pubbliche di chissà quale fan attendono di essere scoperte, i giocatori di smartphone e tablet di tutto il mondo continuano ad utilizzare le proprie Poké Ball solo virtualmente per catturare le creature disseminate praticamente dappertutto con l’app Pokémon Go. Sfruttando la realtà aumentata ed i sistemi GPS dei dispositivi, l’app propone a tutti gli innumerevoli appassionati un’interminabile caccia ai Pokémon più rari. Se ormai a scovarli siete diventati dei veri maestri, sappiate che per molti catturarli tutti è diventato un lavoro.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti