In Uganda scuole chiuse per due anni: è record

Chiuse a marzo 2020 per la pandemia, le scuole in Uganda hanno riaperto le aule solo il 10 gennaio 2022.

13 Gennaio 2022
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

È un triste record mondiale quello che lo stato africano dell’Uganda ha da poco messo a segno. Si tratta, infatti, di quello per il più lungo periodo di tempo nel quale le scuole sono rimaste chiuse. Le lezioni, sospese a marzo del 2020 per contenere l’avanzata della pandemia da Covid-19, sono riprese solo il 10 gennaio 2022. Quasi due anni, dunque, per la precisione ottantatré settimane con le aule vuote.

Sono stati lunghi mesi senza lezione e lontano da uno dei più preziosi ambienti di aggregazione che solo ora ha potuto riaccogliere circa quindici milioni di studenti. Un’assenza prolungata giustificata soltanto dalle misure straordinarie che il governo ha deciso di adottare contro il dilagare del virus sul territorio nazionale.

Molte, del resto, sono state le organizzazioni umanitarie scese in campo per criticare la chiusura record, superiore a quella di qualsiasi altro paese. Unicef, via Twitter, segnala come non sia accettabile che si ripeta una situazione analoga: “dobbiamo tenere le scuole aperte per ogni bambino”, si legge sul social. Save The Children, invece, sottolinea il rischio di abbandono scolastico proprio nelle settimane a venire. Servono, infatti, interventi a supporto delle famiglie e degli studenti.

Gli istituti scolastici ripartono ora secondo le nuove linee guida e procedure per tutelare gli alunni e il personale garantendo un rientro in aula nella piena sicurezza. E, assicura il ministro dell’istruzione John Muyingo, sono state messe in atto misure “per far rispettare le regolo a coloro che non lo fanno” (ANSA). E, come era da immaginarsi, la riapertura dei cancelli scolastici ha riempito anche le strade della capitale Kampala, che ha registrato traffico intenso e ingorghi.

Resta, a questo punto, solo da sperare che il sistema ingrani con successo riportando sui banchi tutti i bambini che aveva salutato due anni fa. Nel mezzo, purtroppo, migliaia di morti causati dal Covid-19.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti