Anche la Russia ha la sua Roswell

L'incidente di Roswell è uno degli eventi più conosciuti dagli appassionati di UFO e alieni, ma sapevate che ne esiste una misteriosa versione russa?

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123RF

Tutti gli appassionati di UFO, spazio e alieni conoscono la storia dell’Incidente di Roswell, che avvenne quando negli Stati Uniti precipitò al suolo un oggetto non identificato che alcuni classificarono subito come “disco volante” e che a distanza di quasi 75 anni continua a far discutere. Quello che in molti non sanno è che anche in Russia esiste una “Roswell sovietica”, un mistero del tutto analogo a quello americano ma meno conosciuto. E per questo, forse, molto più affascinante.

Siamo già a quasi quarant’anni dopo l’incidente di Roswell e, nell’Unione Sovietica del 1986, sulla Cima 611 del monte Izvestkovaja (che si trova nel Dal’negorsk, una regione dell’estremo oriente russo), precipitò un oggetto non identificato, molto simile a quello che si era schiantato negli Stati Uniti.

Quello che i russi videro cadere sui monti fu un disco rossastro molto luminoso che, però, non lasciò alcuna traccia se non un cratere dal diametro di oltre tre metri. Fu inoltre rinvenuta una scia di terra bruciata, nella quale furono identificati elementi estranei al suolo locale.

Il mistero, da allora, circonda con il suo alone tutta l’area del Dal’negorsk, alimentato anche dalla riservatezza e dalla poca trasparenza da parte del governo sovietico prima e di quello russo successivamente.

Etichettato come uno dei misteri UFO più grandi del XX Secolo, viene di tanto in tanto tirato fuori, accompagnandolo con l’ipotesi che possa esistere una sorta di Area 51 sovietica. Qualcosa di verosimile, senz’altro, ma sulla quale non c’è alcuna conferma ufficiale.

Ma allora? In cosa consisteva l’incidente della Cima 611 del monte Izvestkovaja? Nel 1993 lo scienziato russo Gennadij Belimov affermò che si potesse trattare di un semplice pallone sonda militare. Secondo altri poteva essere un veicolo militare sovietico pilotato a distanza, un frammento dello Space Shuttle Challenger caduto in territorio russo, oppure addirittura un piccolo meteorite. In quanto a noi: sappiamo solo che la Roswell russa esiste e ci affascina tutt’oggi con il suo mistero.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti