Incredibile accusa. Athletic: "L'Atletico ci ha rubato tutto"

In Liga si fanno assai tesi i rapporti tra i baschi e i madrileni.

Fonte: Getty Images

Una inaspettata e originale (bisogna ammetterlo!) accusa ha scosso la Liga. O meglio, sta scuotendo in particolare l’Atletico Madrid, il grande accusato.

Tutto è cominciato quando Javier Aldazabal, un segretario della Giunta Direttiva dell’Athletic Bilbao, durante l’assemblea degli azionisti si è alzato in piedi per prendere parola e lanciarsi in una lunga invettiva contro i colchoneros.

Ma per quale motivo questo dirigente basco della squadra basca per antonomasia che annovera tra le sue fila solo ed esclusivamente (e pure rigorosamente!) giocatori baschi o di origini basche ha puntato il dito contro i madrileni? “Quelli dell’Atletico Madrid hanno usurpato il nostro nome, il nostro simbolo, i nostri colori. L’Athletic è un marchio, come lo è la Coca Cola, tanto che è impensabile fare un prodotto con tale nome da noi. Ci hanno preso tutto. il loro simbolo del 1910 era identico al nostro. Oggi una cosa del genere non si potrebbe fare, i marchi sono protetti. Dopo 100 anni di utilizzo pacifico da parte loro adesso sarebbe dura fare qualcosa”, ha tuonato Aldazabal.

Proprio così: il dirigente ha accusato l’Atletico di aver rubato all’Athletic i colori sociali, il nome e pure lo stemma. Ed effettivamente un fondo di verità in quello che dice c’è, perché il club di Madrid fu fondato nel 1903 da alcuni studenti baschi che, trasferitisi nella capitale spagnola, vollero dare vita a una succursale della loro squadra del cuore, prendendo spunto per colori, nome e stemma.

Chissà se questo episodio sarà il pretesto per accrescere ancora di più la rivalità tra le due squadre. Già non corre buon sangue: mentre l’Athletic Bilbao è una squadra basca per cui tifano tantissimi indipendentisti, l’Atletico Madrid rappresenta invece il potere centrale spagnolo. Inoltre un precedente fa ancora male, anzi malissimo, ai tifosi dei Lehoiak (“Leoni” in lingua basca): la finale di Europa League 2011/2012 persa 3-0 all’Arena Naționala di Bucarest, in Romania. Sulla panchina dei colchoneros sedeva già Diego Pablo Simeone e i gol furono segnati da Falcao (doppietta) e dall’ex juventino Diego.

A proposito di Liga e di tensione alle stelle, Leo Messi si preso diverse bottigliate in testa. ECCO PERCHE’

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti