Insegnare il rispetto per la natura: ecco l’orto sferico

I ragazzi di comune nell’hinterland milanese hanno realizzato, con il sostegno della Regione, un orto sferico: ecco il progetto sostenibile.

6 Novembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Insegnare a conoscere e rispettare la natura: è questo l’obiettivo dell’orto sferico, progetto sostenibile che ha preso forma a Binasco, comune nel milanese. A idearlo è stato un gruppo di ragazzi di età compresa fra i 18 e i 23 anni che durante il lockdown si sono impegnati a trovare un modo per migliorare la città.

Proprio la situazione delicata, per non dire drammatica, legata alla pandemia in corso ha reso i giovani ancora più sensibili a certe tematiche. Così, l’Oratorio San Luigi di piccolo centro lombardo è diventato il cuore per quest’iniziativa destinata a essere condivisa – quando si potrà – con tutti i cittadini.

L’orto sferico gode del contributo della Regione che ne ha permesso la costruzione riconoscendogli un finanziamento di 5mila euro. “Eravamo tutti frustrati per quella situazione e così ci siamo domandati cosa non ci piacesse della realtà intorno a noi, si legge su Repubblica.it che ha intervistato alcuni dei ragazzi che firmano l’iniziativa. “Tutti avevamo in mente progetti legati alla sostenibilità ambientale.

L’idea è quella di collocare l’orto nel nostro oratorio – riporta ancora il sito della testata – in modo che sia sotto gli occhi di tutti e richiami l’attenzione di persone delle più varie età che frequentano quello spazio.” Bambini e adulti, dunque, potranno beneficiare del progetto, magari prendendo spunto per realizzare un piccolo orto sferico domestico.

Non richiede molto spazio ed è adatto anche per un terrazzo condominiale”specifica il gruppo milanese il cui progetto è stato sviluppato dai danesi Mads-Ulrik Husum e Sine Lindholm. Lo studio è, quindi, disponibile sul sito spacec10.com come open source. Ciascuno, poi, ha la possibilità di variare il lavoro introducendo elementi e materiali specifici. Anche questa è una forma di condivisione.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti