L'intelligenza si vede dalla grandezza della pupilla

Secondo una recente ricerca, l'intelligenza dipenderebbe dalla grandezza della pupilla

Più è grande la pupilla maggiore è l’intelligenza. A rivelarlo è uno studio scientifico realizzato dal Georgia Institute of Technology e uscito recentemente sulla rivista “Cognitive Psychology”.

Il team di studiosi americani ha rivelato una relazione esistente tra l’estensione della pupilla e le capacità mentali. Lo studio ha coinvolto oltre 512 soggetti che hanno realizzato una serie di test. Questi due fattori sarebbero collegati fra loro tramite il locus coeruleus, una parte del nostro corpo che unisce pupilla e cervello.

I volontari sono stati sottoposti ad alcuni esperimenti cognitivi con lo scopo di misurare la “memoria di lavoro” e la loro “intelligenza fluida”. La memoria di lavoro fa riferimento alla memoria a breve termine e serve, per esempio, a tenere a mente un numero di telefono nel momento in cui lo stiamo digitando sulla tastiera del telefono. L’intelligenza fluida invece si riferisce al ragionamento fluido, ed è legata alla capacità di risolvere problemi, affrontare situazioni nuove e pensare logicamente.

I risultati hanno evidenziato che chi totalizzava punteggi più alti nei test aveva pupille più estese rispetto ai soggetti che registravano performance cognitive peggiori.

Gli esperimenti hanno consentito al team di ricercatori di stabilire un nesso fra le dimensioni oculari e l’intelligenza. La chiave per interpretarlo sarebbe proprio la pupilla e il rapporto che essa ha con il cervello tramite il locus coeruleus, la cui attività è proprio associata alle dimensioni di questa parte dell’occhio. Il locus coeruleus, a sua volta, è in comunicazione con il lobo prefrontale, in cui si trovano le funzioni cognitive superiori, ossia l’intelligenza.

Non è la prima volta che gli scienziati tentano di stabilire l’intelligenza delle persone tramite alcune caratteristiche fisiche. Qualche anno fa un team di ricercatori aveva stabilito un legame fra la grandezza della testa e l’intelligenza. Lo studio era stato poi smentito da alcuni recenti ricerche che hanno dimostrato come, quando si parla di cervello, le dimensioni non siano importanti e, al contrario, questo organo subisca una leggera riduzione nel corso della vita.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti