Comunicare in moto: interfono a filo e bluetooth

Quando si parla di interfono per moto, ci si riferisce a piccole ricetrasmittenti utilizzate per la comunicazione tra pilota e passeggero, ma anche per la comunicazione con altre moto

Fonte: https://www.flickr.com/

Poter conversare durante un viaggio in auto è molto semplice, ma le cose si complicano quando si viaggia in moto. Fortunatamente la tecnologia viene in soccorso degli appassionati delle due ruote, fornendo loro interfono adeguati per poter parlare con il proprio pilota o passeggero o con altre moto. I primi modelli prodotti sono gli auricolari a filo, che sono usati ancora oggi e più recentemente gli auricolari bluetooth. Vediamoli in dettaglio.

Partiamo dai dispositivi interfono con filo che in genere sono composti da una centralina con il sistema di comunicazione e lo spazio per le batterie che solitamente sono del tipo AA. In dotazione vi sono poi gli auricolari e il microfono esterno da posizionare davanti alla bocca. La centralina ed i due auricolari con microfoni sono collegati tra loro da fili sottili quindi occorre sempre far attenzione a non romperli togliendo il casco.

Gli interfono a filo collegano in modo fisico i caschi di pilota e passeggero, cosa che può risultare scomoda. Vi sono però anche alcuni aspetti positivi: non occorre accendere o spegnere il dispositivo perché esso è collegato con lo spinotto al veicolo, quindi si accende e spegne insieme alla moto, e non c’è il rischio che si spenga a causa della batteria scarica. Inoltre non essendo attaccato all’esterno del casco, non ne modifica l’aerodinamicità e quindi non si sentono rumori o fischi in velocità. Infine evita anche l’inconveniente di avere un trasmettitore vicino alla testa per diverso tempo.

Il sistema di interfono a filo precedentemente presentato è stato successivamente sviluppato e rivisto una volta nata la tecnologia Bluetooth. Sono nati così i sistemi multimediali wireless che si applicano al proprio casco con basette adesive o con clip che si stringono sul profilo del casco stesso, per poter parlare con il proprio compagno di viaggio o con altri veicoli in tutta comodità. Gli auricolari wireless hanno il grande vantaggio di eliminare il legame fisico tra pilota e passeggero in quanto manca appunto il filo. Questi interfono si accendono e spengono autonomamente rispetto alla moto e hanno un’autonomia che può arrivare fino a 12 ore. Essi sono collegabili tramite Bluetooth al cellulare, all’MP3, al navigatore o ad un altro dispositivo intercom per le comunicazioni pilota-passeggero o tra due veicoli. Il raggio di azione di questi dispositivi varia, fino d arrivare anche ai 400-500 metri.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti