Juventus, le lacrime del campione

Ecco perché Dybala è scoppiato a piangere alla fine del primo tempo con l'Uruguay

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Getty Images

Per un Messi che ride, c'è un Dybala che piange. Sembra trattarsi di un mero caso, ma il destino di Paulo è in qualche modo legato a quello della 'Pulce' argentina del Barcellona, di cui lo juventino rischia di essere il successore.

E non tanto per le magie in campo, che li accomunano, quanto per la sensibilità di fronte alla sconfitta, che sia collettiva o personale.

L'esordio di Paulo Dybala dal primo minuto con l'albiceleste ha un sapore amaro, a causa dell'espulsione rimediata alla fine del primo tempo del match contro l'Uruguay, comunque vinto dalla Seleccion di Bauza per 1-0, grazie alla rete di Messi al 43'.

Un Messi sorridente, a tratti loquace, con un ciuffo biondo che cancella il suo passato da bravo ragazzo, con il look casuale e trascurato.

Il suo gol è quasi un riscatto e collide con il pianto di Paulo Dybala, che scoppia in lacrime dopo il rosso mostratogli dall'arbitro e vigorosamente contestato dai compagni.

Di Maria prova a calmarlo, ma Dybala è inconsolabile: nonostante una buona partita, l'errore non è nel suo DNA e il pianto prende inevitabilmente il sopravvento.

La tragica 'mala suerte' di Paulo, che sembra toccare a tutti i più grandi, è il rovesciamento della notte felice di Leo, che si riprende l'Argentina dopo mesi di critiche e incertezze.

Con la vittoria contro Cavani e Suarez, la Seleccion ha fatto un passo avanti nella corsa ai mondiali in Russia ed è a 14 punti, contro i 13 di Uruguay, Colombia ed Ecuador.

 

 

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti