La compagnia di volo che adotta il linguaggio inclusivo

La compagnia aerea Swiss ha intenzione di abbandonare la tradizionale formula "Signore e signori"

26 Luglio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123rf

“Signore e signori, benvenuti a bordo del volo…”: sui voli di Swiss questo saluto, in lingua tedesca, farà presto parte del passato. La compagnia aerea svizzera ha infatti intenzione di abolire questa formula a vantaggio di una neutra che includa tutti, comprese le persone non binarie, ovvero coloro che non si identificano nel genere maschile o femminile.

“La diversità non va garantita solo su carta, ma va anche vissuta. Vogliamo che tutti i nostri collaboratori e passeggeri si sentano rappresentati”. Queste sono le persone della portavoce di Swiss International Airlines Karin Müller, come riporta Tvsvizzera.it.

Secondo il linguista e docente di Teoria dei linguaggi all’Università di Milano Stefano Vessere si tratta di una strategia di marketing, che offre un’immagine della compagnia più rispettosa, anche se questo non basta. “Non sono i cambiamenti linguistici che cambiano la mentalità, ma piuttosto il contrario. Anche se poi in effetti queste buone pratiche possono modificare il linguaggio e renderlo più rispettoso” fa sapere Vessere.

Per cambiare mentalità, però, “ci vuole ben altro”, prosegue il linguista: “Per esempio la promozione del linguaggio rispettoso di tutti i generi nelle istituzioni e nelle aziende pubbliche”.

Un caso, quello di Swiss, che ha fatto molto parlare in rete. Se alcuni si sono mostrati a favore, altri invece hanno storto il naso, come se tutto questo gran discutere di asterischi al posto delle vocali che chiudono le parole e formule inclusive stia un attimo sfuggendo di mano.

Quel che conta, al di là di decisioni linguistiche più o meno condivisibili e più o meno opportunistiche, è che il rispetto non passi solo dal piano verbale ma anche da quello più concreto fatto di azioni quotidiane. Ben vengano tutte le formule inclusive di questo mondo, a patto però che si combattano le discriminazioni anche nella vita di tutti i giorni con gesti tangibili.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti