La foto di due tigri del Bengala diventa virale su Twitter

Si tratta della prima 'prova' in assoluto in 15 anni, immortalata da una telecamera nascosta in un'area estremamente in difficoltà.

28 Luglio 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Una foto pubblicata dall’account Twitter Kaziranga National Park & Tiger Reserve è diventata virale sul web, anche se sfuocata e di per sé di poco fascino. Del resto, sono i fotogrammi di una telecamera che immortalano però un evento storico, come spiega nel dettaglio la didascalia del tweet.

“Il ruggito diventa rumoroso. – si legge su Twitter – Queste sono le prime prove in assoluto riprese da una telecamera nascosta di come l’allevamento delle tigri nel Laokhowa Burhachapori Wildlife Sanctuary abbia avuto successo. Sono il risultato di più di 15 anni di duro lavoro e di sforzi. Complimenti”.

Andiamo con ordine. Il parco nazionale di Kaziranga si trova nei distretti di Golaghat e Nagaon dell’Assam, in India. È considerato patrimonio dell’umanità, ma negli ultimi anni l’area è stata messa a dura prova dalle condizioni atmosferiche. Proprio negli ultimi giorni, più di 100 animali sono morti per annegamento a causa di un’alluvione nell’area, che ha coperto più della maggior parte del parco. È facile dunque capire il perché una semplice foto rappresenti un barlume di speranza in una riserva spesso messa a dura prova, ancora di più se pensate che gli animali fotografati non sono semplici tigri, ma tigri del Bengala (anche dette tigri reali), una specie in pericolo.

“Vi presentiamo quindi i futuri Re. – recita un altro tweet della Riserva – Questa foto vale più di 1000 parole. È il culmine di 15 anni di determinazione e di lavoro senza sosta dei Forestali”. L’account Twitter ha poi promesso agli utenti di pubblicare altre foto non appena ottenuta l’approvazione del Direttore (del Parco, presumiamo). A causa delle alluvioni, circa l’85% della superficie del parco nazionale è stata danneggiata e risulta sommersa. Da qui si comprende il motivo dell’entusiasmo della notizia, che in men che non si dica si è diffusa sul web.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti