La nazione dove si mangiano più frutti di mare

Eppure mangiare pesce e crostacei oggi diventa sempre più difficile. Ecco perché

29 Settembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Difficile non amare i frutti di mare, eppure mangiare pesce e crostacei al giorno d’oggi è tutt’altro che semplice. Secondo l’Environmental Defense Fund la pesca eccessiva degli oceani del mondo sta mettendo a dura prova non solo le popolazioni di frutti di mare, ma anche le persone che dipendono da queste fonti di proteine. In tutto il mondo, le persone amano mangiare pesce e crostacei, ma c’è una nazione che supera di gran lunga tutti gli altri paesi e, sfortunatamente, non sempre lo fa nel modo più sostenibile.

Mentre le persone di tutto il mondo amano i frutti di mare – dal Giappone, dove il sushi è uno stile di vita, al Portogallo, dove il baccalà regna sovrano – c’è un paese che guida il mondo nel consumo di pesce: la Cina. Secondo Pittman Seafoods, come riporta Mashed.com, la nazione asiatica è di gran lunga il più grande consumatore mondiale di pesce, rappresentando il 38% del totale globale. Come osserva l’articolo, il cittadino cinese medio mangia circa 40 chili di frutti di mare all’anno. Sebbene parte di quel pesce sia pescato o allevato localmente il paese importa anche una quantità significativa di frutti di mare.

Mentre possiamo certamente identificarci con l’amore per il pesce fresco, le cattive pratiche di pesca della Cina hanno raccolto una discreta quantità di critiche da parte dei sostenitori della pesca sostenibile. Secondo la Yale School of the Environment, il paese ha già esaurito così tanto i suoi stock ittici locali che ora pesca illegalmente acque appartenenti ad altri paesi, come la Corea del Nord. Le sue enormi navi da pesca catturano tanto pesce in una settimana quanto le barche più piccole e tradizionali potrebbero catturarne in un anno.

Nel 2017, il governo cinese ha pubblicato un piano quinquennale che limiterà il numero totale di pescherecci offshore a meno di 3.000 entro il 2021, secondo la Yale School of the Environment. Tuttavia, come ha affermato il biologo marino Daniel Pauly nell’articolo: “Se possono imporre le restrizioni pianificate alla loro flotta è un’altra questione”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti