La pandemia ha fatto sì che nascessero due nuovi formaggi

Non tutti i mali vengono per nuocere, almeno dal punto di vista alimentare il Covid ci ha regalato due nuovi gustosi formaggi

14 Settembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

Sebbene la pandemia di Covid-19 in corso e le conseguenti restrizioni siano state molto dure da sopportare, ne è emerso anche qualcosa di buono. Per essere precisi, secondo Food & Wine sono nati due prodotti molto deliziosi nell’ultimo anno. I produttori di formaggio in Francia hanno trascorso il loro tempo a sperimentare nuovi modi per creare formaggi francesi mai visti prima.

I casari Lionel e Laura Vaxelaire, proprietari di un caseificio vicino a Saulxures-sur-Moselotte nella Francia orientale, si sono trovati di fronte a un dilemma dopo che gli affari sono rallentati di quasi l’80% durante la pandemia, lasciandoli con chili di formaggio Munster invenduto. “Quando la Francia è entrata nel suo primo blocco lo scorso marzo, le mie mucche non hanno mai ricevuto il messaggio: hanno semplicemente continuato a produrre latte. Quindi abbiamo continuato a produrre formaggio, yogurt e altri prodotti anche se i ristoranti che riforniamo avevano chiuso, così come la maggior parte dei locali mercati e il nostro spaccio aziendale”, ha detto Laura Vaxelaire a Food & Wine, come riporta Mashed.com

I Vaxelaire hanno deciso di trasformare il loro problema in un’opportunità, permettendo al formaggio di continuare a stagionare senza girarlo o lavarlo con acqua dolce, come facevano normalmente con i loro formaggi. Il risultato è stato un formaggio completamente nuovo, abilmente chiamato “Le Confiné”.

Il nuovo formaggio presenta una crosta grigia maculata, una consistenza liquida, un centro leggermente gessoso e un sapore forte che Vaxelaire ha descritto a Forbes come qualcosa “tra il nostro Munster e un tipo Camembert. È gessoso all’interno, con un colore grigiastro. Ha preso il sapore del nostro latte crudo intero e la flora della cantina”.

Con loro grande gioia, i clienti lo hanno adorato, quindi i Vaxelaire hanno fatto quello che avrebbe fatto qualsiasi casaro intraprendente e sono andati avanti e hanno registrato il formaggio presso l’Institut National de la Propriété Industrielle una volta che i blocchi sono stati revocati in Francia.

I Vaxelaire non sono stati gli unici casari a innovare durante la pandemia. Un commerciante di formaggi di nome Sylvain Crégut era tornato nella sua città natale, Le Gard, nel sud della Francia, e aveva pensato, quale modo migliore per festeggiare il suo ritorno che produrre il suo formaggio? Ha iniziato a raccogliere gli strumenti che avrebbero contribuito a creare il formaggio perfetto per rappresentare la sua casa calda e solare di Le Gard: formaggio di pecora fresco da un caseificio nel villaggio di Lussan, sale marino dalle saline nella vicina Aigues-Morte e un vino dolce da aperitivo chiamato Carthagène.

Amo il formaggio perché riflette il meglio della natura umana, la sua ingegnosità: il formaggio è stato inventato come un modo per conservare il latte e la sua capacità di piacere e condivisione. Quindi sono molto orgoglioso di averne creato uno nuovo” ha dichiarato l’uomo.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti