La pizza da bere esiste davvero: ecco come prepararla

L'anno scorso il pesce d'aprile della pizzeria Squisito mise a soqquadro il mondo del web: ma la pizza liquida, in realtà, esiste dal 1998

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Quando si parla di “pizza da bere“, occhio a non cadere nella bufala che anche recentemente ha infiammato la rete, causando scompensi di varia natura ai puristi della vera pizza napoletana (la fate in casa? Leggete qui): è stata infatti rilanciato sui social, da una pagina satirica, un pesce d’aprile architettato nel 2019 dalla pizzeria Squisito, che ebbe un successo anche fuori dalle loro aspettative.

La nota pizzeria finse infatti di lanciare il “frappè alla pizza”, una bevanda al gusto di pizza in brik, che sconvolse a dir poco gli utenti del web: come spesso capita sui social, l’immagine passò di condivisione in condivisione e divenne virale prima che qualcuno facesse notare che sulla stessa immagine era chiarito la sua natura di pesce d’aprile, con la inequivocabile frase “Ma non scherziamo proprio. Non te la bere, la pizza si morde! Pesce d’aprile”

Adesso però reggetevi forte: la pizza liquida esiste veramente, non è un pesce d’aprile fuori stagione, ed ha convinto anche i napoletani! E’ riuscito nel miracolo (mai termine fu più esatto, capirete dopo il perchè) Lino Scarallo, chef stellato di Palazzo Petrucci a Posillipo, che ha lanciato la “bloody pizza”: si tratta di una pizza liquida servita in coppa Martini, fatta con passata di pomodoro San Marzano, emulsione di mozzarella di bufala, struffoli croccanti di pasta pizza in superficie e basilico fresco.

L’idea risale al 1998 ed ha ottenuto un buon successo: un aperitivo che non c’era, si legge sul sito della Bloody pizza, e “un atto di amore per la nostra città e di rispetto per una tradizione sacra. Un nuovo modo di intendere il tempo della convivialità”

La pizza, vera colonna portante della cucina italiana, anima da sempre dibattiti e infiamma polemiche: nel 2018 fu la pizza di Carlo Cracco a suscitare l’indignazione del web, mentre a Napoli hanno inventato veramente di tutto al gusto di pizza…

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti