La prima Olimpiade della storia

Ecco che cosa sappiamo dei primi Giochi Olimpici

5 Agosto 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123rf

Con le Olimpiadi di Tokyo in corso è bene fare un ripasso di storia. Sapete quali sono state le prime Olimpiadi? I primi Giochi Olimpici di cui si abbia notizia ebbero luogo nel 776 a.C., sebbene i giochi si siano tenuti per molti anni, forse secoli, prima. Secondo il Chronicon, compilato dallo storico Eusebio di Cesarea nel IV secolo d.C. da molte fonti greche ormai perdute, il vincitore dell’evento principale delle antiche Olimpiadi – la corsa podistica di Stadion – era un cuoco della vicina città di Elis chiamata Koroibos (o Coroebus).

I giochi erano un evento di un giorno che si tenevano all’interno del Santuario di Olimpia fino al 684 a.C., quando furono estesi a tre giorni. Successivamente sono stati estesi a cinque giorni e l’evento si è spostato in uno stadio più grande appositamente costruito nelle vicinanze. Al culmine della popolarità dei Giochi, si stima che 40.000 persone abbiano partecipato all’evento, come riporta Guinnessworldrecords.com

L’unico evento menzionato nei resoconti dei primi Giochi è la corsa a piedi Stadion – uno sprint in linea retta di circa 200 m (656 piedi). Non è chiaro se questo sia stato l’unico evento o solo l’unico i cui vincitori sono stati registrati. Gli eventi successivi hanno aggiunto due corse più lunghe (una di circa 400 m e un’altra di circa 1500 m), il pentathlon, un salto in lungo (in cui gli atleti usavano contrappesi pesanti chiamati halteres per aumentare i loro salti) e eventi sul campo come il giavellotto, il lancio del peso, e discus. Gli sport da combattimento includevano boxe, wrestling e pankraton, una sorta di antiche arti marziali miste che combinavano elementi sia del pugilato che del wrestling.

I giochi andarono in declino tra il I e ​​il IV secolo. La cristianizzazione della Grecia ha reciso il legame tra i giochi e la cerimonia religiosa, mentre il declino economico e militare dell’Impero Romano ha indebolito le risorse della regione e la capacità di sostenere eventi così grandiosi. I giochi furono ufficialmente terminati dall’imperatore romano Teodosio I nel 393 d.C., ma probabilmente persistettero su piccola scala locale per qualche tempo dopo.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti