‘Tale e Quale Show’ and Co: la Rai blocca il blackface sulle reti

La Rai ha deciso di prendere posizione dopo le critiche che il pubblico ha riservato a show come ‘Tale e Quale’: basta blackface sulle reti pubbliche.

28 Aprile 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: ANSA

Stop al blackface sulle reti televisive del servizio pubblico. La Rai ha, infatti, deciso di prendere una decisione formale dopo le numerose critiche ricevute negli ultimi mesi (e anni) e a fronte di una recente lettera inviata al direttore di Rai1 Stefano Coletta e di Rai per il sociale Giovanni Parapini. Tra i destinatari della missiva delle associazioni Lunaria, #Italianisenzacittadinanza, Cospe, Arci e Il Razzismo è una brutta storia figura c’è anche Maurizio Pagnussat, storico regista di ‘Tale e Quale Show’ tra i programmi nel mirino.

Il motivo è il ricorso frequente, nelle imitazioni, della pratica di truccare pesantemente di nero volto e corpo dei concorrenti per renderli somiglianti agli artisti neri imitati. Con un risultato spesso caricaturale che molti considerano offensivo o comunque non rispettoso. Da qui le critiche frequenti in rete e la decisione di molte associazioni di muoversi direttamente con l’azienda pubblica.

Lo stesso Ghali, più volte oggetto di imitazione nel serale condotto da Carlo Conti, aveva a suo tempo espresso il proprio disappunto. “Non sto dicendo che c’era del razzismo – spiegava a mezzo social come riportava VanityFair.it – Sto dicendo che il blackface è qualcosa di cui lo spettacolo non ha bisogno. È nato per un motivo, denigrare le persone di colore in America. Veniva usato per spaventare i bambini, erano attori bianchi che si travestivano da persone di colore e compivano atti osceni.

Ed, ecco, le parole della Rai in una nota ufficiale diffusa e ripresa dal medesimo magazine online: “Nel merito della vicenda per la quale ci avete scritto, diciamo subito che assumiamo l’impegno – per quanto è in nostro potere – a evitare che essa possa ripetersi sugli schermi Rai. Ci faremo anzi portavoce delle vostre istanze presso il vertice aziendale e presso le direzioni che svolgono un ruolo nodale di coordinamento perché le vostre osservazioni sulla pratica del blackface diventino consapevolezza diffusa”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti