La sauna fa dimagrire? Gli effetti di cui non eri a conoscenza

La sauna è un antico rito finlandese ricco di benefici e con poche controindicazioni: conosciuto ed amato in tutto il mondo, fa veramente dimagrire?

La sauna è un antico rituale finlandese le cui origini si perdono nella notte dei tempi: la parola sauna anticamente significava “dimora invernale” e si pensa che per aumentare il benessere e il calore si gettasse acqua sulle rocce, precedentemente arroventate sul fuoco, in modo da creare il caratteristico vapore.

Oggi la sauna è un trattamento idroterapico diffuso più o meno in tutto il mondo, ricco di effetti benefici e con poche controindicazioni: è così amato per le sue proprietà rilassanti e depuranti che gli vengono attribuiti anche meriti che non ha, come ad esempio capacità dimagranti (Meglio la sauna o il bagno turco? Ecco la differenza).

La sauna, purtroppo, non aiuta a dimagrire: favorisce la sudorazione e la perdita di liquidi, che vengono però reintegrati semplicemente bevendo un bicchiere d’acqua o mangiando qualcosa, quindi non serve a buttare giù i kg di troppo (avete sentito di quel chip che si attacca i denti per controllare cosa mangi?)

In compenso, la sauna ha benefici praticamente su tutto il corpo: rilassa i muscoli, i tendini ed i legamenti, favorendo il rilassamento ma anche la scomparsa di dolori muscolari, tanto da essere molto utilizzata dagli atleti professionisti dopo l’allenamento in quanto favorisce l’espulsione dell’acido lattico.

La sauna potenzia il sistema immunitario ed aiuta a distruggere virus e batteri, danneggiati dalle alte temperature, ma scatena anche la produzione di cortisolo e adrenalina che rendono l’organismo più resistente. Un benefico bagno di vapore aiuta anche l’umore e soprattutto, se praticato con costanza, previene malattie gravi.

La dilatazione dei vasi sanguigni causata dal calore improvviso e la successiva costrizione quando si torna ad un temperatura normale è un’ottima “ginnastica” per l’apparato cardiocircolatorio, tanto da essere una prevenzione per patologie come infarti ed ictus.

Anche la pelle giova della permanenza in sauna: sudando si libera il derma dalle scorie e il vapore aiuta a liberare i pori, con il risultato finale di una pelle molto più liscia e luminosa.

Ma come si fa ad approfittare fino in fondo dei benefici della sauna? Gli esperti dicono che bisognerebbe fermarsi almeno per 8 minuti, ma mai più di 20. Appena usciti, l’ideale sarebbe un tuffo nella neve o una doccia gelata, secondo l’uso finlandese, ma lo shock termico non è adatto a tutti (soprattutto a chi non è allenato), quindi sarà sufficiente una doccia tiepida, a 15 gradi, partendo dal basso per risalire verso l’alto per aumentare dolcemente la pressione.

Pochissime le controindicazioni: la sauna non è consigliata se si soffre di malattie cardiache o di asma, nel caso di donne incinte va consultato il ginecologo, meglio evitare se in quel momento si ha un’infezione acuta in corso come raffreddore o tosse perché potrebbe momentaneamente peggiorare.

Per il resto, basta prepararsi bevendo qualcosa di caldo come una tisana o un tè e facendo una doccia tiepida: la sauna è un’abitudine benefica che non può che portare vantaggi all’anima e al corpo.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti