La scrittura a mano può renderti più intelligente?

Alcuni studiosi sottolineano i vantaggi della scrittura manuale evidenziando i limiti di quella digitale sulle capacità di apprendimento

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Quand’è l’ultima volta che avete scritto una bella lettera a mano? Molti faranno fatica a ricordare, eppure autorevoli studiosi sostengono che scrivere a mano possa avere ottime ripercussioni sull’attività cerebrale, il che potrebbe essere un grande incentivo a riprendere in mano carta e penna e ad abbandonare ogni tanto la tastiera.

La scrittura digitale è ormai parte integrante del nostro modo di vivere e di lavorare, quindi è impensabile sostituirla del tutto, ma ritagliarsi degli spazi in cui riscoprire il piacere di scrivere con l’inchiostro ci farebbe bene. Gli esperti infatti suggeriscono che la penna e la tastiera attivino aree cognitive differenti.

Edouard Gentaz, direttore scientifico dell’organizzazione di ricerca francese CNRS e professore di psicologia dello sviluppo all’Università di Ginevra, fa sapere: “Lo scrivere a mano richiede una gestualità complessa, che stimola contemporaneamente gli impulsi sensoriali, motori e cognitivi”.

Marieke Longchamp e Jean-Luc Velay, neuroscienziati del CNRS e dell’Università di Aix-Marsiglia, hanno dimostrato con uno studio che i bambini dai 3 ai 5 anni che copiano a mano le lettere hanno una capacità di riconoscerle molto maggiore dei coetanei che utilizzano solo la tastiera per imparare a scrivere. Altri loro colleghi sono andati oltre, sostenendo che rinunciare alla scrittura manuale non solo riduce la capacità di lettura, ma anche quella di apprendimento generale.

Lo dimostra l’esperimento condotto da Pam Mueller e Daniel Oppenheimer, che hanno seguito un gruppo di 300 studenti all’Università di Princeton e all’Università della California. Essi hanno evidenziato che gli studenti che prendevano appunti a mano durante le lezioni erano in grado di rispondere più facilmente a quesiti complessi rispetto a chi prendeva appunti con il computer. Gli scienziati lo imputano al fatto che utilizzando la manualità si lavora processando le informazioni mentalmente. Al contrario, chi utilizzava la tastiera tendeva a scrivere di più e ad annotare trascrizioni letterali, cosa che riduce il lavoro mentale di riflessione (il sistema per migliorare la memoria: provalo)

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti