La storia di Igor Seoane: fondatore del sito di sport streaming più famoso al mondo

La storia incredibile del proprietario e fondatore del sito Rojadirecta. L'eroe sconosciuto del calcio è stato arrestato. Ma chi è Igor Seoane Miñán? Scopriamolo insieme

Igor Seoane Miñán è nato il 1 gennaio del 1984. Fin da piccolo era curioso dei computer e del loro funzionamento e cercava di studiarli a fondo. Alcuni loro amici di classe hanno affermato che durante le lezioni di informatica sapeva più cose lui dell’insegnante. Fu allora che i suoi genitori si sono resi conto del potenziale e che questo non poteva essere lasciato lì senza coltivarlo.

Quindi, ha studiato presso la scuola di business della Catalogna. È stato qui che ha iniziato a prendere forma la storia di Rojadirecta, un sito web, cresciuto giorno dopo giorno nonostante i vari tentativi negli anni di fermarlo.

Primi problemi legali

L’Associazione per lo sviluppo della proprietà intellettuale ha affermato che nel 2005 ha iniziato una battaglia legale con una delle più grandi: “Seoane è stato citato in giudizio da Google per recuperare il dominio google.es. Dopo quattro anni di contenzioso, Google ha perso la battaglia e quindi non poteva recuperare questo dominio ed altri.”

Nel 2007 la società Sport audiovisivi ha cercato di fermare il sito, ma si arresero ben presto. Nel 2011 invece, il Dipartimento di giustizia americano ha chiuso il sito Rojadirecta in quanto “riproduce o distribuisce materiale protetto senza autorizzazione”

Chiusura del sito in molti paesi

Il sito è stato chiusi in molti paesi in quanto non rispettava le leggi e perché era un sito che trasmetteva eventi sportivi gratis. Igor è considerato da molti come il nemico della televisione a pagamento. I vari appassionati di sport lo hanno sempre seguito, in quanto avevano la possibilità di vedere migliaia di contenuti gratuitamente e quindi evitare di pagare l’abbonamento alla pay tv.

Nel 2015 il sito pirata è stato chiuso anche in Italia, ma il sito ha riaperto utilizzando un dominio differente, aprendo così una vera e propria battaglia con le varie aziende. Il sito esiste dal 2011 e pare che fatturi circa 2 milioni di euro l’anno. Ieri, 27 ottobre, il capo di Rojadirecta è stato arrestato. A denunciarlo questa volta è stato Canal Plus, canale francese ma presente in molti altri paesi. Seoane si è giustificato dicendo che: “Fungiamo soltanto da intermediari, sono gli utenti a segnalare i link per vedere le partite. Noi non abbiamo alcun rapporto commerciale con nessuno, ci limitiamo a gestire la parte tecnica del sito”.

TAG:

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti