La storia di Pinocchio, il gatto con il naso storto

Pinocchio è stato salvato in California e ha bisogno di cure mediche: la sua storia ha commosso il web.

1 Luglio 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Hanno intenerito tutti le foto pubblicate su Facebook dal Friends For Life Rescue Network, un gruppo di soccorso originario della California (USA) che si occupa di salvare gli animali senza casa dall’abbandono e dall’eutanasia. Protagonista degli scatti è infatti un grazioso micetto, il cui muso particolarissimo gli è valso il nome di Pinocchio. Non perché sia particolarmente grande e lungo, ma perché – a causa di una malformazione – il gatto mostra sempre una buffa smorfia che lo rende indubbiamente particolarissimo.

“Diamo il benvenuto a Pinocchio nel nostro rifugio! – si legge nel post pubblicato su Facebook, che racconta la storia del micio – Pinocchio è stato salvato qualche giorno fa da un padrone che non sapeva prendersi cura dei suoi gatti. Ha tantissimi problemi medici, tra cui un’ernia ombelicale che richiederà un intervento chirurgico, e un morso incrociato che ha fatto sì che i suoi canini incrociassero la sua mascella (anche qui è prevista la rimozione), ha il naso deformato e probabilmente idrocefalia”.

Insomma, non una vita semplice quella di Pinocchio, a cui però sono mancate soltanto delle cure adeguate per poter stare meglio e vivere più serenamente.

“Qui è arrivato malnutrito, disidratato e pieno di pulci. – continua infatti a spiegare il post del rifugio – Dalla sua taglia, sembrerebbe un gatto di 5-6 settimane, ma in realtà ha già tre mesi. Faremo in modo che riceva tutte le cure mediche di cui ha bisogno”.

L’associazione spiega poi che il post e le foto di Pinocchio non sono pubblicate affinché qualcuno decida di adottarlo, perché la sua salute viene prima di tutto il resto. “Non è disponibile per l’adozione – conclude infatti il messaggio del Friends for Life Rescue Network – e non lo sarà finché non sarà completamente guarito. Davanti a lui ci sono ancora circa 4-6 mesi di cure”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti