La storica Route 66 diventerà la prima autostrada solare

La storica Route 66 diventerà presto la prima autostrada solare degli Stati Uniti. Scopri i dettagli del progetto

La route 66 è una delle strade più famose del mondo, capace di diventare un simbolo della cultura di massa grazie ai film e ai suoi incredibili paesaggi. Essa unisce le città di Los Angeles e Chicago dividendo in due parti gli Stati Uniti. Lunga più di 2000 miglia, potrà diventare in un tempo ancora da stabilire la prima strada solare. Il progetto è importante e molto costoso ma sta avendo eco mondiale perché lo stato potrebbe trarne enormi benefici.

Lo stato del Missouri ha accolto il progetto di mettere in alcune parti della strada della Route 66 pannelli solari studiati appositamente sul percorso. La viabilità non avrebbe nessun danneggiamento e al contempo si produrrebbe energia elettrica. Il progetto è nato dalla società Solar Roadways che ha lanciato una campagna di crowdfonding su Indigogo, grazie alla quale ha guadagnato circa 2 milioni di dollari.

La route 66 diventa un enorme pannello solare

I coniugi Brosaw, questo il nome dei due inventori americani, vorrebbero quindi trasformare la strada in un enorme pannello solare. La route 66 potrebbe così produrre circa tre volte il consumo annuo degli Stati Uniti, risolvendo così un problema come la ricerca di fonti energetiche. Il progetto è stato sposato dallo stato del Missouri che si è dimostrato subito interessato a quella che potrebbe diventare una delle più grandi idee degli ultimi anni per quanto riguarda il fabbisogno di energia.

Per iniziare, questi speciali pannelli solari saranno istallati sui marciapiedi e secondo i vari test riescono a reggere il peso di un autoarticolato. Non solo perché potranno avere al loro interno altre caratteristiche che faciliteranno la guida. In primis verranno inseriti dei led che potranno sostituire la segnaletica stradale e gli impianti di illuminazione. Un sistema di riscaldamento potrà salvaguardare il manto stradale da problemi come potranno essere la neve o il ghiaccio.

Come sarà la nuova Route 66?

Altra caratteristica importante è che i pannelli stradali avranno al loro interno microprocessori capaci di inviare e ricevere informazioni. Importante da questo punto di vista è il fatto che possa aiutare in caso di incidenti stradali per segnalare in maniera automatica in che tratto di strada vi sono i problemi. Si tratta comunque di test preliminari e per avere risultati effettivi bisognerà aspettare ancora diversi mesi.

Un esperimento simile è stato fatto in Olanda, terra delle grandi innovazioni per quanto vale l’energia rinnovabile. Con un percorso di 70 metri di pista ciclabile sono stati prodotti 9000 kwh e, grazie all’innovazione tecnologica, il numero potrà ancora crescere e migliorare. La strada è giusta e il futuro potrà essere sicuramente più green e più pulito per tutti noi.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti