La tecnologia ci rovina la salute? Nel futuro sarà esattamente il contrario

L'opinione pubblica si divide: la tecnologia aiuta la salute, oppure la rovina? La società Digital Trend non ha dubbi: è un valido supporto

Fonte: flickr.com

Quanto la tecnologia aiuta la salute, e quanto invece la rovina. Stiamo parlando di un assillante interrogativo che ormai da tempo viene posto non solo da scienziati eccelsi, ma anche da gente comune. L’opinione in questo caso sembra dividersi a metà: da una parte, infatti, vi sono coloro che sono fortemente convinti che l’introduzione della tecnologia nella nostra esistenza abbia solo mutato, ma purtroppo in peggio, abitudini sane di vita; dall’altra invece, vi è chi è convinto che la tecnologia sia un lusso ed abbia migliorato tutte le sfere della nostra vita: da quella pubblica a quella privata. Per non parlare dei notevoli avanzamenti realizzati in campo medico: nuovi macchinari di intervento, metodologie avanzate e tanto altro.

C’è da dire che negli ultimi anni avanza sempre più silenziosa, ma insistente l’idea che la tecnologia non solo non rovina la nostra salute, ma anzi è pronta a migliorarla in modo esponenziale. Come abbiamo vissuto in questi ultimi dieci anni? Quali sono stati i cambiamenti, le evoluzioni, le trasformazioni della nostra cultura? C’è chi è pronto a celebrare, a festeggiare e ad osannare la tecnologia. Il motivo? Questa aiuta ad innalzarsi, ad aprire la mente di uomini e donne, fa star meglio, dunque altro che rovina! Riflettiamo: quante persone intervistate, dichiarerebbero che vogliono tornare indietro nel tempo ed eliminare completamente la tecnologia dalla loro vita? Sicuramente stiamo parlando di un numero davvero esiguo: come si fa, del resto, a rinunciare ai comfort indicibili e chiari ai quali oggi siamo abituati?

Chi vorrebbe rinunciare ai cellulari di ultimo tipo? Alle chat? Ai whats app? Chi, ancora, vorrebbe mettere al bando il sistema operativo mobile di Apple? Oppure la stampa in 3D? Pochissimi, forse neanche i bambini vorrebbero tornare indietro nel tempo, proprio loro che, come sappiamo, sono ormai sempre più abituati a giocare con la tecnologia avanzata e sempre meno con i puzzle e le famose barbie. La società Digital Trends, fondata nell’anno 2006 è convinta che la tecnologia aiuta e non distrugge. Il suo intento è quello di riuscire a farlo comprendere ad ampio raggio. Nuovi sistemi stanno ormai influenzando il nostro modo di vivere e non si possono in alcun modo dimenticare i passi in avanti realizzati nel campo medico proprio grazie alla tecnologia che ha regalato salute e non certo rovina. È del resto innegabile che innumerevoli strumenti intelligenti sono entrati nelle case, dove negli ultimi dieci anni il loro consumo è stato esplosivo esprimendosi in ogni forma.

La tecnologia, sempre secondo la società Digital Trend, è capace di migliorare la nostra salute e non la rovina affatto, perchè aiuta ad informarsi sulle opportunità che esistono in tutto il mondo. Attraverso internet la gente viene a conoscenza di nuove tecniche per operarsi, nuovi modi per guarire da un brutto male. Negli ultimi dieci anni attraverso il web le persone hanno imparato che vi è la possibilità di parlare anche con i loro medici on-line. Possono, in questo modo, avere importanti consigli su alcuni farmaci da utilizzare, sui propabili effetti collaterali. Ed ancora: hanno suggerimenti preziosi per la loro salute in tempo reale, una realtà che prima non era certo possibile. nell’era moderna nasce anche il robot che aiuta gli anziani

La Digital Trends è straordinariamente convinta che la tecnologia aiuta la salute e non la rovina: è per questo motivo preciso che ha deciso di festeggiare il suo decimo compleanno di vita con un’interessante programma DT10. Si tratta di un anniversario che intende esaminare come la tecnologia sia riuscita a cambiare concretamente ed in modo assolutamente positivo, ogni aspetto della nostra vita: si va dal cibo al cinema, fino agli incontri sociali grazie a network come Facebook, Twitter, Instagram. Grazie alla tecnologia che si è evoluta nel tempo è innegabile che i computer di oggi sono molto più intelligenti e veloci, le barriere tra un paese e l’altro sono state abbattute. Per non parlare dell’industria automobilistica: oggi le macchine sono dotate di touchscreen, GPS, e di prevenzione alle collisioni.

Con la tecnologia ciò che è lontano diventa vicino, quello che era considerato impossibile diventa possibile. Di recente a MediaCityUK, in Salfordin, una schiera di scienziati provenienti da tutto il mondo si è incontrata per dare vita ad un’interessante conferenza stampa con lo scopo di parlare della creazione di robots che andranno a sostituirsi a persone umane nei rapporti sociali. L’interrogativo principale è il seguente: si può fare sesso con i robot? In futuro si arriverà a sposarsi con essi? Una possibilità che aiuta o rovina il mondo? Pensare che negli Stati Uniti fra due anni si venderanno bambole-robots con intelligenza artificiale. Come avrebbero vissuto le precedenti generazioni con l’avanzare di tutta questa tecnologia? Chissà se avrebbero pensato che questi nuovi macchinari sono in grado di aumentare la gioia e non l’infelicità.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti