La vignetta di Charlie Hebdo su Brigitte Macron

Il giornale satirico Charlie Hebdo si butta sull'elezione di Emmanuel Macron puntando tutto sulla première dame Brigitte. E sulla sua pancia

Fonte: Facebook

Sempre al limite del cattivo gusto eppure baluardo della libertà di espressione, anche quando assume la forma di una satira feroce e irriverente, Charlie Hebdo non poteva astenersi da un commento sull’elezione a presidente della Repubblica francese di Emmanuel Macron.

E, così, in copertina, c’è finita la nuova coppia presidenziale, con Macron accanto alla sua Brigitte in evidente stato interessante. Lui le tocca la pancia e il commento è “il va faire de miracles”: farà dei miracoli, con evidente riferimento al nascituro.

Accuse di sessismo su Brigitte Macron

Immancabili le polemiche sulla vignetta di Charlie Hebdo. Le accuse di misoginia e sessismo hanno iniziato a fioccare da subito, in special modo dal mondo dei social network, visto che la battuta si regge per intero sulla notevole differenza di età fra Emmanuel e Brigitte Macron, 39 anni lui, 63 lei.

Che il primo atto del quinquennio di potere di Macron possa essere quello di procurarsi un erede a dispetto dell’età della consorte non è in effetti una battuta che brilla per originalità. Eppure è perfettamente centrata rispetto ai toni del settimanale, che sulla pagina Facebook del suo profilo annuncia, ad ulteriore commento, che “questa settimana Charlie vi predice che tutto è possibile per il quinquennio che comincia”.

Polemiche e vicende di Charlie Hebdo

Charlie Hebdo è balzato al centro delle cronache internazionali in occasione dell’attentato del 7 gennaio 2015, quando la redazione fu attaccata da alcuni estremisti islamici che fecero 12 vittime. Già nel 2011, a dire la verità, il settimanale subì la distruzione della redazione a seguito di un attacco a base di bombe molotov.

Il motivo dell’esposizione di Charlie Hebdo sono sempre state le sue vignette, giudicate tanto espressione di libertà di opinione quanto molto spesso irriverenti e irrispettose nei confronti della sensibilità altrui. Anche l’Italia è finita nel mirino del settimanale, che fece del terremoto del Centro Italia un “sisma all’italiana” con tanto di lasagne e della valanga di Rigopiano l’occasione per rappresentare una morte beffarda impegnata a sciare. Onestamente, la battuta sulla pancia di Brigitte Macron non è granché, al confronto.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti