L'appello di Adriano Celentano a Papa Francesco su Medjugorje

Il molleggiato ha rivolto una lettera al Sommo Pontefice dal suo blog, dopo le parole sulle apparizioni in Bosnia

Adriano Celentano non ha mai taciuto. Anzi, le sue esternazioni (da ultima, quella relativa allo stato di profonda frustrazione per quanto riguarda la minaccia alla sicurezza della sua proprietà e dei cittadini, in generale) hanno prodotto polemiche, discussioni se non addirittura un certo antagonismo. Adesso, da quando ha trovato uno spazio di espressione più contemporaneo, il suo blog su ilmondodiadriano.it, affida a questo linguaggio le sue riflessioni. L’ultimissima riguarda le parole del Papa in merito alle apparizioni di Medjugorje, oggetto di profonda lacerazione all’interno della Chiesa Cattolica.

Buongiorno Pa’ Francesco!!! Ho sempre pensato – esordisce Celentano – che la grandezza di un uomo la si vede attraverso le sue gesta. E le sue di gesta, per come è lei e tutto quello che sta facendo, sono così grandi che, tranne qualche piccola ‘svista’, è impossibile non immaginare che le arrivino direttamente da Dio! Per lo meno io ne sono più che convinto. Ma l’altro ieri lei, parlando di Medjugorje, ha detto: ‘non posso credere che la Madonna si metta a spedire messaggi tutti i giorni come fosse un’impiegata alle Poste’. E se invece fosse vero? Come io credo. Non pensa invece che (per chissà quali fini ora a noi sconosciuti) potrebbe essere una Sua Celestiale strategia l’aver scelto quei sei ragazzi e avere con loro degli incontri giornalieri e, di proposito, sempre alla stessa ora?… E se fosse questa la piccola ‘svista’ del Papa?… Sarebbe bellissimo se lei, anche di nascosto, incontrasse le veggenti. Forse a lei direbbero qualcosa di sorprendente che nessuno ancora sa… e che solo lei potrebbe spiegarci!!!”, conclude Celentano.

Francesco, di ritorno da Fatima dove ha proclamato santi i pastorelli Giacinta e Francisco, ha esternato le sue perplessità su quanto legato al fenomeno Medjugorje. “Credo alla Madonna nostra Madre buona, non a quella capo di un ufficio telegrafico” che detta al telegrafo ogni giorno a certa ora i suoi messaggi. Ma visto che nel santuario bosniaco ci sono molte conversioni, bisogna provvedere ai fedeli.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti