L'assurdo annuncio di una famiglia in cerca di una tata è virale

Più che una tata, cercasi Mary Poppins disperatamente

21 Maggio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Con i bambini serve tanta pazienza, e questo nessuno può metterlo in dubbio. Spesso, però, serve ancora più pazienza con i genitori. Lo dimostra un annuncio di lavoro in cui una famiglia cercava una tata. Più che annuncio dovremmo parlare di un elenco di un paio di pagine, che è stato condiviso da Hollis Jane Andrews, attrice di Los Angeles che si è imbattuta in questo annuncio nel 2013, quando stava cercando un lavoro.

A leggerlo si direbbe che la coppia in questione stesse cercando una vera e propria Mary Poppins che si prendesse cura dei suoi figli più che una semplice tata, visto il lungo elenco di responsabilità e regole che imponeva. Il tutto per soli 13 dollari all’ora.

Il post di Hollis Jane su Twitter è esploso, mentre le persone guardavano con occhi sbalorditi la “lista di responsabilità folli” che la ragazza avrebbe dovuto sobbarcarsi. Dall’annuncio sembra che i genitori volessero stare con i loro figli solo quando sorridevano ed erano felici, mentre tutti i momenti difficili era meglio lasciarli alla tata.

Naturalmente, prendersi cura dei bambini era solo una parte del lavoro. Mostrando un certo livello di insensibilità storica, i genitori si aspettavano anche che la tata si trasformasse magicamente in una “cleaning nazi” una volta che i bambini si fossero addormentati, in modo da poter pulire praticamente l’intera casa. Ancora una volta, è bene ribadirlo, per 13 dollari all’ora.

Intervistata da Bored Panda, una tata professionista ha cercato di rispondere al motivo per cui le tate vengano pagate così poco: “I genitori non pensano che prendersi cura del loro ‘prezioso angelo’ sia un lavoro: è un piacere. Vorrebbero stare a casa con il loro bambino tutto il giorno, quindi penso che non lo percepiscano come un vero lavoro e anzi si indispettiscono per il fatto di dover pagare affinché qualcuno lo faccia”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti