Lavorare a maglia ti aiuterà nella carriera #lodicelascienza

L’importanza degli hobby durante il tempo libero non è mai da sottovalutare: ecco come possono tornarci utili per la carriera

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Viviamo immersi in un tempo in cui restare connessi h24 è diventata la norma: la conseguenza principale è che si assottiglia sempre più il divario tra il tempo che dedichiamo al lavoro e il nostro tempo libero e finiamo per non staccare mai completamente la spina.

Dimenticare di fare ciò che più ci piace soltanto per il gusto di farlo porta con sé un’ulteriore conseguenza, piuttosto negativa, se aspiriamo a fare carriera: non avere hobby a lungo andare ci fa diventare meno creativi, meno produttivi o meno proattivi a seconda dell’ambito in cui lavoriamo.

Che sia imparare una nuova lingua, lavorare a maglia, fare la pasta fresca, giocare a bowling o ballare la salsa, gli hobby ci aiutano a riconnetterci con la parte più vera di noi, a tirare un sospiro di sollievo dalle scadenze, dal capo e dai clienti per poi farci ripartire con il piede giusto.

Non tutto, è bene ricordarlo, deve avere uno scopo finale da raggiungere: fare qualcosa soltanto per noi stessi, perché ci fa stare bene e ci fa imparare qualcosa di nuovo – nonostante sia poco attinente alla nostra occupazione – porta grandi benefici per la nostra carriera (qui gli errori da non commettere durante un colloquio) e il nostro umore!

Secondo uno studio della San Francisco State University condotto dal team del professore associato di psicologia Kevin Eschleman su 350 americani, è emerso che chi svolgeva lavori altamente creativi aveva bisogno di praticare hobby “poco artistici”, al contrario chi aveva mansioni ripetitive, si ritrovava a passare il tempo in modo creativo. In entrambi i casi, i soggetti hanno dichiarato di trarre vantaggi da queste attività extra-lavorative.

Un altro studio, più recente, portato avanti dalla Sheffield University conferma proprio l’idea che gli hobby non collegati alla nostra sfera lavorativa siano più positivi per noi: fungono da cuscinetto tra la nostra vita personale e professionale e ci fanno acquisire nuove competenze e conoscenze rendendoci più completi.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti