Lavori dal letto? Ecco cosa accade al tuo corpo e alla tua mente

Gli effetti dello smartworking possono essere pericolosi se si lavora perennemente dal letto

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

La pandemia ha costretto molte persone a lavorare da casa, ma lo smart working in molti casi si è trasformato in lavoro dal proprio letto. Tanti infatti neanche tolgono il pigiama quando si svegliano e iniziano a lavorare in tenuta notturna. Con ripercussioni preoccupanti su corpo e mente.

Uno studio del novembre 2020 riporta che il 72% dei mille americani intervistati ha dichiarato di aver lavorato esattamente così durante la pandemia, con un aumento del 50% dall’inizio della crisi. Uno su 10 ha riferito di aver trascorso tra i cuscini gran parte della settimana lavorativa. Lo fa sapere la Bbc in un articolo dal titolo “What happens when you work from bed for a year”, ovvero che cosa accade quando lavori dal letto per un anno.

Intervistato da HuffingtonPost Marcello Chiapponi, fisioterapista e personal trainer, dichiara: “Abbiamo un grosso problema. Il letto è una superficie morbida. È pensato per indurre un rilassamento dei muscoli, quello che ci serve durante la notte. Durante il giorno invece sarebbero progettati per muoverci. Nel momento in cui li costringi troppo a lungo fermi, in una superficie particolare come il letto, costruita per rilassare, i muscoli naturalmente si atrofizzano, riescono a fare meno bene il loro lavoro, quindi è più facile che si infiammino”.

L’impatto del lavorare dal letto è anche a livello mentale, soprattutto sul ritmo sonno-veglia. “Il cervello ha bisogno di segnali per svolgere la sua attività” spiega Guido Di Giovanni, neurologo dell’asl di Chieti, esperto in disturbi del sonno. Se di giorno stiamo sempre a letto, a fine giornata non abbiamo una grossa spinta al sonno. Da non sottovalutare anche un problema di associazione: il cervello impara che a letto bisogna svolgere un’attività, per cui quando la sera ci corichiamo, è come se dicesse: “Ora non devi dormire, accendi il pc e vai a lavorare”.

Mesi e mesi passati a lavorare direttamente dal letto aumentano quindi il rischio di soffrire d’insonnia, con tutte le conseguenze che questa comporta.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti