0, 2, 0, 0, 0, 0, 0 trend

Le 5 cose da non fare mai su WhatsApp

WhatsApp è un'applicazione semplice e intuitiva, ma per usarla senza avere problemi bisogna tenere a mente alcune regole

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

E’ l’appplicazione di messaggistica più conosciuta ed usata nel mondo, ma tra i costanti aggiornamenti e i tanti trucchi per utilizzarlo al meglio che si leggono sul web, potremmo avere ancora qualcosa da imparare sul conto di WhatsApp.

Questa piccola guida riassume 5 cose da non fare assolutamente per non trovarsi nei guai quando si usa molto WhatsApp: non a caso la prima voce riguarda il salvataggio automatico di video e foto.

E’ fortemente sconsigliato autorizzare il salvataggio automatico di video e foto su WhatsApp: significa, in soldoni, che qualunque immagine o video postata da un contatto viene salvata nella vostra memoria. In pochi giorni avreste la memoria del cellulare piena e se avete un piano tariffario a consumo, anche problemi di soldi: per scaricare soprattutto video lunghi e pesanti se ne vanno molti gigabyte…

Altro consiglio imprescindibile per tutelare la propria privacy è fare attenzione agli accessi effettuati con WhatsApp web: adesso l’app da la possibilità di collegare fino a 4 dispositivi e di chattare anche se il telefono è offline o comunque lontano dal pc. Una bella comodità che però può rappresentare un problema se qualcuno dovesse decidere di entrare nel nostro pc e collegarsi sul nostro account di WhatsApp, avendo a disposizione tutti i nostri dati. La soluzione è sconnettersi ogni volta dai dispositivi su cui si utilizza WhatsApp web, in modo che la persona che entra dopo di noi non possa riconnettersi (per farlo serve inquadrare un codice QR che si trova sul cellulare).

Occhio al phishing, ormai sempre più diffuso anche via WhatsApp: non cliccate mai su un link sospetto, anche se arriva da un contatto di un amico o parente. Richieste di aiuto o messaggi “strani” devono mettervi subito in allerta: prima di aprire qualunque cosa contattate prima la persona in questione, magari con una telefonata, per scoprire se è stata proprio lei ad inviare il messaggio.

Attenzione ai backup automatici: chi possiede uno smartphone in genere ha abilitato i backup automatici o su cloud o su pc ogni volta che si collega il telefono. Strumento molto utile per non pe

rdere tutto quello che si ha in memoria, compreso lo storico delle conversazioni su WhatsApp. Ma attenzione a cosa inviate in chat: su cloud i nostri dati sono sicuri fino a prova contraria…

Infine, attivate la verifica in due passaggi: vi chiede sempre conferma prima di autorizzare il collegamento di WhatsApp da un dispositivo diverso dal solito e tiene al riparo il vostro account da malintenzionati e curiosi.

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti