Le mamme rivelano i peggiori consigli ricevuti dai loro genitori

I peggiori consigli che le mamme sono costrette ad ascoltare, dispensati da genitori e suoceri desiderosi di essere partecipi al lieto evento

La maternità è un periodo bellissimo per ogni donna ma, spesso, viene guastato da una piccola sbavatura: vediamo assieme i peggiori consigli da parte di genitori, altre mamme e suoceri. Non appena una donna comunica la sua gravidanza, il parentado dà inizio alla gara a chi elargisce più consigli: tutti hanno una parola da dire, un consiglio prezioso da dare! E la loro generosità continua dopo il parto, durante l’allattamento e lo svezzamento. Insomma, le future mamme possono stare tranquille: ci sarà sempre un parente pronto a dare loro un consiglio, non importa se richiesto o meno!

Le intenzioni dovrebbero essere positive: la voglia di essere partecipi al lieto evento, il desiderio di mettere a disposizione la propria esperienza, l’intenzione di aiutare le neo mamme. Ogni madre, però, ad ogni gravidanza si trova a vivere un’esperienza nuova, nella quale impara a conoscere il suo bambino e assieme si adattano l’un l’altro. Mentre il bambino cresce, cresce anche la madre che impara cose nuove, esplora nuovi territori, scopre nuove sensibilità. Ogni madre ha già in sé tutti gli strumenti necessari per gestire la nuova situazione. Tranne, forse, l’ondata di consigli non richiesti che è costretta ad affrontare.

Il sito Mumsnet.com, un popolare network inglese dove i genitori si scambiano informazioni e consulenze sulla genitorialità, ha raccolto le testimonianze di molte mamme sulle loro esperienze riguardo i consigli più strani ricevuti. Uno dei più elargiti è quello di lasciar piangere i bambini perché i loro polmoni hanno bisogno di esercizio. Il consiglio, già di per sé assurdo, risulta ancora più ridicolo poichè dato da una suocera accanita fumatrice.

Le soluzioni continuano: capezzoli duri? Basta spalmare della marmellata su di essi! Il bambino ha difficoltà ad addormentarsi? La mamma deve bere una birra prima di allattarlo! E poi ancora: picchiettare i piedi del bambino durante l’allattamento per permettergli di succhiare più latte; dare un colpo al lettino appena il bambino si addormenta per abituarlo all’auto assestamento o, ancora, dargli un pezzo di osso di agnello durante lo svezzamento per aiutarlo a masticare. Forse il consiglio più utile da dare alle mamme è di imparare a non dare peso a questi bizzari suggerimenti ma, piuttosto, farsi una grassa risata!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti