Liberato: in arrivo il primo album

Dopo "Intostreet" e "Je te voglio bene assaje", Liberato si prepara a presentare il suo primo album il prossimo 9 maggio

Liberato si prepara a presentare il suo primo disco, aggiungendo un altro importante tassello alla sua carriera di rapper fantasma. L’artista napoletano ancora una volta ha colpito nel segno, creando una rete di indizi che portano sino quell’attesissimo disco che i fan chiedevano da tempo.

Si risolve così l’enigma iniziato ieri, quando il misterioso rapper aveva presentato a sorpresa una nuova hit intitolata “Intostreet” in cui veniva raccontata la storia di “Yu T’e scurdat’e me”. Poche ore dopo aver lanciato il singolo, uscito il 2 maggio, l’artista aveva presentato “Je te voglio bene assaje” in un rincorrersi di date e di riferimenti importanti. 

In tanti avevano ipotizzato che quello creato da Liberato fosse una sorta di “percorso magico” diretto verso il 9 maggio, data fondamentale nella carriera del rapper, che segna l’anniversario dell’uscita di “Nove Maggio”, il singolo che l’ha portato al successo.

Le clip di entrambe le canzoni sono state realizzate da Francesco Lettieri, regista di tutti i precedenti lavori di Liberato, da “Nove Maggio” a “Yu t’è scurdat e me”, passando per “Gaiola portafortuna” e “Me staje appennenn’ amo'”. Guardando i video i fan hanno subito capito che c’era molto di più dietro, individuando una sorta di conto alla rovescia che porta sino al fatidico 9 maggio. 

Cosa accadrà in questa data? Secondo le ultime informazioni Liberato presenterà il suo primo disco. Il rapper dovrebbe fare un’apparizione – come nel suo stile – presso la celebre rotonda Diaz nel lungomare che compare sul finale di entrambi i video delle canzoni. 

Ora non resta che attendere il 9 maggio per scoprire come sarà l’album di Liberato e soprattutto in che modo il misterioso rapper sceglierà di mostrarsi al pubblico. Sino ad oggi infatti l’artista napoletano è sempre riuscito ad esibirsi senza mai svelare la sua identità. Al Mi Ami Festival di Milano salirono sul palco Calcutta, Izi, Shablo e Priestess, mentre in altre occasioni si è sempre mostrato di spalle.

D’altronde l’aura di mistero che avvolge questo artista è uno degli ingredienti del suo successo, così grande da aver superato anche i confini nazionali, tanto che presto sarà al Festival Sonar di Barcellona.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti