Lieto fine per i 101 orsi salvati da una fabbrica cinese

Rinchiusi per anni in una ex fattoria, gli orsi di Nanning sono stati portati in salvo nella riserva di Chengdu.

25 Agosto 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Possono sospirare di sollievo gli orsi di Nanning che, dopo un lungo viaggio, sono giunti nella riserva che li ospiterà per il resto della loro vita. Una vita, quella di questi centouno orsi bruni, trascorsa per diversi anni in una ex fattoria per l’estrazione della bile in Cina dalla quale sono stati portati in salvo con un’impresa mai compiuta prima.

A condurre le operazioni è stata l’organizzazione Animals Asia che si è presa in carico la salvaguardia degli animali rimasti prigionieri per sette anni. Oggi è la riserva di Chengdu a ospitare gli orsi di Nanning ma, come si diceva, raggiungerla è stata uno sforzo immane, sia sul piano fattuale sia dal punto di vista progettuale ed organizzativo.

Raccontato in un cortometraggio a sostegno dell’associazione animalista che li ha in cura, il Moon Bear Homecoming è iniziato il 19 aprile e ha richiesto svariate settimane. La voce narrante di James Cromwell descrive nel dettaglio il piano per trasferire i centouno orsi nella loro nuova dimora. Nove camion e decine di operai hanno lavorato per garantire la protezione degli animali durante il tragitto in modo che il viaggio non arrecasse alcun rischio per la sopravvivenza degli esemplari.

E sono stati più di milleduecento i chilometri percorsi seguendo un percorso studiato e posticipato a causa dell’emergenza sanitaria. Alle spalle gli orsi si sono lasciati un’esistenza fatta di operazioni dolorose per estrarne la bile, claustrofobiche gabbie metalliche, cibo e acqua in quantità minime al limite della sussistenza.

D’ora in poi si cambia registro e Chengdu garantirà il loro benessere a partire da alcuni interventi chirurgici necessari per riportarli in condizioni di salute ottimali. Grazie, quindi, alla somministrazione dei farmaci più adeguati, gli orsi di Nanning potranno presto iniziare a vivere quella si preannuncia a tutti gli effetti come una seconda vita.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti