L'illusione ottica che ha emozionato Parigi

L'ultima opera dell'artista JR toglie il fiato

7 Giugno 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123rf

L’iconica Torre Eiffel di Parigi è uno dei monumenti più fotografati al mondo, quindi può essere difficile trovare una nuova angolazione interessante da cui riprenderla. Ci è riuscito il fotografo e artista di strada francese JR con una straordinaria illusione ottica che fa sembrare la torre appollaiata in modo precario su un abisso roccioso al di sotto del quale si stende la città.

Come riporta Creativebloq.com l’artista ha posto un fotomontaggio in bianco e nero di un burrone e dei pilastri alla base della torre sul pavimento di Place du Trocadéro, la spianata che sovrasta il punto di riferimento. Se uno spettatore si trova nel punto giusto vicino al Palais de Chaillot, il fotomontaggio si allinea con la torre, creando l’illusione che il terreno sia franato.

Questa opera di arte urbana è arrivata mentre la città di Parigi allentava le restrizioni dopo mesi di lockdown, e si è rivelata un successo. Le persone hanno fatto la fila per scattarsi a vicenda foto mentre saltavano sopra l’apparente abisso.

Su Twitter i commenti sono più che positivi, anche se qualcuno ha osservato che non è facile ottenere uno scatto dell’illusione. C’è chi ha fatto notare che ci si deve posizionare su un punto molto preciso per avere quell’effetto, cosa difficile da fare quando ci sono tante persone che vogliono scattare la stessa foto. Qualcun altro invece ha letto allegorie politiche nell’opera, come se rappresentasse il divario sociale nel Paese. L’installazione della Torre Eiffel dovrebbe rimanere in vigore fino al 17 giugno.

JR è specializzato nella creazione di street art di grande formato. A Parigi ha precedentemente creato due illusioni ottiche utilizzando il museo del Louvre, nel 2016 facendo sembrare che la sua piramide fosse scomparsa e nel 2019 aprendo una voragine attraverso il suo cortile. A marzo ha aperto una ferita sul lato di Palazzo Strozzi a Firenze.

Altri lavori hanno incluso un’installazione che sembra mostrare un bambino che scruta oltre il muro di confine tra Stati Uniti e Messico e un’immagine di prigionieri che fissano da sotto il cortile della prigione di massima sicurezza di Tehachapi in California.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti