L'inventore dell'iPod contro i design moderni

Tony Fadell dà alcuni consigli importanti alle aziende del settore tecnologico

3 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Ansa

Vi ricordate i primi iPod? Veramente iconici, non c’è che dire. Tutti, chi più chi meno, ne hanno desiderato uno quando sono usciti sul mercato. Ebbene Tony Fadell, inventore del primo Apple iPod e del termostato smart Nest, ha una critica da muovere ai colleghi. Molte aziende moderne secondo lui commettono errori grossolani quando concepiscono il design dei loro prodotti.

Durante la conferenza Slush 2021 dedicata alle startup emergenti, come riporta Techradar.com, Fadell è intervenuto spiegando che a suo avviso molte delle migliori aziende del settore tecnologico mancano del tempismo necessario a creare prodotti realmente iconici.

“Risulta vitale comprendere cosa serve (o cosa servirà) alle persone. Dovete assicurarvi di risolvere problemi che le persone stanno iniziando ad avere. Non ha senso anticipare gli eventi di vent’anni, anche se la tecnologia è già disponibile. Gli utenti devono prima capire qual è il problema che tentate di risolvere”.

Fadell ha anche consigliato alle startup di “smettere di creare qualcosa per impressionare gli ingegneri“, e di focalizzarsi maggiormente sulla creazione di dispositivi che “migliorino la vita delle persone”.

Tony Fadell ha approfittato della conferenza di Helsinki per parlare del suo nuovo progetto: un manuale per la nuova generazione di designer chiamato Build. Il libro è previsto per maggio 2022 ed è stato presentato dall’autore come una “guida non ortodossa per creare oggetti che vale la pena di creare”, pensata per aiutare gli imprenditori a fare un salto di qualità importante.

“Negli anni, lavorando a contatto con molti imprenditori, ho realizzato qualcosa: l’unica ragione per la quale sono su questo palco è perché qualcuno mi ha aiutato ad arrivarci. Mi hanno seguito e hanno creduto in me” ha affermato Fadell. “Molti dei miei mentori non ci sono più, quindi il testimone di mentore è passato a me. L’unico modo in cui posso sdebitarmi è aiutando la comunità ”.

Fadell vuole infatti sovvenzionare i talenti emergenti sostenendo le startup tecnologiche attraverso la sua società, Future Shape.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti