Lite in campo Maradona-Veron, ecco perché è successo

La partita della Pace è stata caratterizzata da un episodio che viene da lontano

Meno male che era la Partita della Pace: sul campo dell’Olimpico di Roma, all’intervallo, è andata in scena, invece, una clamorosa lite tra due colonne portanti del calcio argentino e mondiale.

Da una parte Juan Sebastian Veron, in maglia bianca, dall’altra Diego Armando Maradona, in maglia blu. Le telecamere hanno ripreso i due avversari della gara amichevole avvicinarsi a fine primo tempo e iniziare a dibattere mentre si indirizzavano verso gli spogliatoi.

Poco prima di scendere nel tunnel altre telecamere hanno ripreso il Pibe de Oro trattenuto dal personale dello stadio mentre urla alla Brujita: “Yo no te boludeo, te lo digo en la cara boludo”, che tradotto suona come “Io non ti piglio per il c***, te lo dico in faccia str****!”.

Con ogni probabilità lo scontro non ha nulla a che vedere con la Partita della Pace, ma con le dichiarazioni della scorsa estate rilasciate da Maradona durante la fase di caos della Federcalcio argentina conseguente alle dimissioni del Tata Martino. In quell’occasione a Veron venne dato il compito di nominare il nuovo staff dell’Albiceleste. Diego disse: “Veron è un traditore che si atteggia a dirigente. Uno con cui non voglio più avere nulla a che fare” e l’ex interista che illuminava il centrocampo con la sua visione di gioco aveva risposto: “Non so a cosa si riferisca Maradona e non mi interessa. Le sue parole sono di scarsa rilevanza e lui è poco serio”, per poi rincarare la dose di recente: “Con Maradona mi piacerebbe trovarmi faccia a faccia“. Eccolo accontentato.

Papa Francesco, che è un grande appassionato di calcio oltre che il promotore della Partita della Pace, si sarà comunque divertito per lo spettacolo andato in scena allo Stadio Olimpico di Roma. Una grande sfilata di campioni del presente e del passato che si sono sfidati in un’amichevole il cui incasso sarà devoluto alla popolazione di Amatrice colpita dal terremoto dello scorso 24 agosto.

Il risultato sul campo ha incoronato la squadra dei bianchi di Ronaldinho: 4-3 contro i blu di Diego Armando Maradona. Il Pibe de Oro ha giocato al fianco di Totti (che uscendo dall’Olimpico ha dichiarato: “Ora che ho giocato con Maradona posso anche smettere”) e per la prima volta anche con suo figlio, Diego Jr.

TAG:

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti