Lo champagne è stato inventato per caso: ecco come

Una storia che affonda le radici nel 17° secolo

15 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Si avvicinano le feste di Natale e magari tanti brinderanno con lo champagne, che nel corso degli anni è diventato la bevanda per eccellenza per le occasioni celebrative e le feste. È anche uno degli ingredienti principali di cocktail popolari come la mimosa, il French 75, il black velvet e il preferito di Ernest Hemingway, Death in the Afternoon. Tradizionalmente servito in delicati flute di vetro che emettono un bel tintinnio quando vengono battuti insieme, lo champagne è una delizia con una storia tanto ricca quanto effervescente.

Come riporta il sito Mashed.com le radici dello champagne possono essere fatte risalire al 17° secolo, quando un monaco francese scoprì che il suo vino in fermentazione aveva formato minuscole bollicine. Lo champagne è stato inventato nella regione francese dello Champagne (da cui il nome, ovviamente). Secondo la leggenda, il presunto creatore di questa bevanda era un monaco benedettino di nome Dom Pierre Pérignon, che fu maestro di cantina presso l’Abbazia di Hautvillers dal 1668 fino alla sua morte nel 1715.

Un giorno, Pérignon aprì accidentalmente una bottiglia di vino prima che avesse completamente finito di fermentare. Mentre l’aria entrava nella bottiglia e continuava a fermentare, si rese conto di aver fatto qualcosa di inaudito. Secondo il mito popolare, Perignon esclamò ai suoi fratelli qualcosa del tipo: “Venite presto! Sto bevendo le stelle!”, quando assaggiò per la prima volta la sua creazione fortuita.

Da molti anni girano voci sul fatto che la bevanda che conosciamo e amiamo sia stata originariamente inventata in Inghilterra circa 30 anni prima del contributo di Pérignon. Ovviamente, il vino non è stato ancora soprannominato champagne a causa della sua posizione, ma gli storici hanno appreso che un prodotto stranamente simile è stato creato da Christopher Merrett, uno scienziato inglese che ha aggiunto zucchero al vino per creare una qualità gassata nel 1662, secondo la BBC.

Detto questo, Dom Pérignon è ancora accreditato per aver ideato diverse tecniche regolamentate che sono ancora utilizzate dai viticoltori di tutto il mondo oggi, in particolare il Méthode Traditionelle.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti