Lo sapevi che la tua saliva contiene un antidolorifico?

Esiste un antidolorifico più potente della morfina nella nostra saliva, l’interessante scoperta dei medici dell’Istituto Pasteur di Parigi

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Quante volte ci è capitato, soprattutto da bambini, di pulire una lieve ferita con la nostra saliva? Un gesto dal sapore atavico (anche il bacio della mamma sulla “bua” aiuta le difese immunitarie!) che inconsciamente risulta piuttosto efficace stando alla scoperta di un’equipe di medici dell’Istituto Pasteur di Parigi.

All’interno della saliva, infatti, risiede un antidolorifico che – stando ai risultati della ricerca coordinata da Catherine Rougeot e pubblicata sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences” – pare essere fino a 6 volte più potente della morfina.

Questo antidolorifico totalmente naturale si chiama opiorfina e funziona sostanzialmente “spegnendo” il dolore: le sue proprietà analgesiche simulano cioè l’attività di interruttori rispetto alla sofferenza, anche se – non dimentichiamocelo – la soglia della sensibilità al dolore (riesci a sederti a gambe incrociate? Se la risposta è no, prova questi esercizi) è più che mai soggettiva.

Gli studiosi hanno comparato opiorfina e morfina misurando il potere analgesico di entrambi gli antidolorifici ed è emerso che mentre per la morfina servono dai 3 ai 6 mg ogni kg per calmare il dolore, basta soltanto 1 mg di opiorfina per ottenere lo stesso effetto.

Resta da capire come avviene la produzione di opiorfina, i meccanismi per cui viene rilasciata nel corpo e attivata: questi interrogativi, se risolti, allargherebbero di certo gli orizzonti sulla ricerca di nuove terapie naturali per curare il dolore.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti