Lo show teatrale più grande d'America: 700 attori in lip sync

700 attori recitano nello show più grande d'America in un teatro all'aperto ai piedi di una collina

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Search Creative Commons

Si è da poco concluso lo show più grande d’America: ben 700 attori hanno dato vita ad uno spettacolo in un teatro all’aperto. Nello stato di New York, precisamente ai piedi della collina Cumorah a Palmyra, ogni anno va in scena “The Hill Cumorah Pageant”, una produzione della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, comunemente nota come Chiesa mormone. I mormoni ritengono che proprio su quella collina, nel 1827, Joseph Smith trovò, inciso su delle tavole d’oro, un antico testo che è diventato il Libro di Mormon.

Per i credenti, il Libro di Mormon è una sacra scrittura al pari del Vecchio e del Nuovo Testamento; per gli scettici è una sorta di racconto fantascientifico che reinterpreta, attraverso un gusto tipicamente americano, i personaggi e i temi della Bibbia cristiana. Comunque, credenti o meno, sono davvero molti gli spettatori che, da tutta l’America, si lasciano attrarre dal magnetismo della collina Cumorah: ben 35.000 nelle 7 notti di esibizione. Non c’è un biglietto d’ingresso, né sono richieste offerte: chi prima arriva, sceglie il posto migliore e si gode lo show.

Lo spettacolo va in scena dal 1937. L’attuale versione, la cui sceneggiatura è firmata dallo scrittore di fantascienza  Orson Scott Card ha debuttato nel 1988. Il numero esatto dei partecipanti cambia ogni anno: lo spettacolo appena concluso ha visto protagonisti in teatro più di 700 attori, 150 membri dello staff e 9 direttori di scena. Lo show è davvero impressionante: ben 1300 costumi, un palco su 10 livelli, l’utilizzo di cannoni ad acqua e getti di fuoco. Il riflettore che rappresenta la stella di Betlemme è talmente potente che il suo uso richiede l’approvazione del FAA, l’agenzia del dipartimento dei trasporti statunitense che regola l’aviazione civile.

Agli attori non è richiesta nessuna esperienza di recitazione e non vengono retribuiti. Chi vuole far parte del cast deve arrivare a Palmyra una settimana prima dell’inizio dello spettacolo e, in poche ore, i direttori assegnano i ruoli. Lo spettacolo è interamente in playback e poiché il palco è enorme ed è difficile leggere le espressioni facciali da lontano, gli attori devono gesticolare in maniera esagerata. Lo show ricorda le atmosfere dei musical americani e questo fa riflettere su quanto sia sottile la linea tra il teatro e il rituale, il gioco e il culto, il mitico e il kitsch.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti