Nel 2020 la Cina avrà una luna tutta per sé

A quanto pare entro un paio d’anni la Cina potrebbe avere una luna tutta sua: ecco cosa sappiamo del progetto governativo

In Cina s’inventano di tutto, ma stavolta gli scienziati potrebbero aver davvero superato se stessi. Come? Replicando la Luna.

È risaputo che in Cina, oltre ad avere laboratori e imprese all’avanguardia dal punto di vista dell’innovazione tecnologica, la popolazione è molto brava anche nel replicare le cose. A un costo molto più contenuto. Stavolta la Cina potrebbe aver davvero superato se stessa: gli scienziati hanno deciso di copiare una cosa cui nessuno aveva mai pensato. La Luna. Nel 2020, infatti, il Chengdu Aerospace Science and Technology Microelectronics System Research Institute (Casc) lancerà in orbita un satellite che dovrebbe illuminare una vasta area della Cina. Da molti il razzo è stato già denominato “luna artificiale”.

Questa luna rischiarerà il cielo molto più di quella naturale. L’area che sarà illuminata avrà un diametro compreso tra i dieci e gli ottanta chilometri e si estenderà intorno alla zona di Chengdu, nel Sichuan. Sono davvero poche le informazioni che si hanno su questo progetto: per il momento ne è stata data notizia solo dal Quotidiano del Popolo, il principale mezzo d’informazione dell’ufficio stampa del Partito comunista cinese. Ma come mai l’idea di creare una luna artificiale? Secondo quanto detto dagli organizzatori di questo progetto, avrebbero preso spunto da un artista francese che aveva dipinto la Terra come un pianeta contornato da specchi. E il satellite del 2020 dovrebbe rendere proprio quest’idea.

Nonostante alcune persone siano entusiaste di questa innovazione, altre non sono dello stesso parere. Secondo alcuni studiosi e scienziati, infatti, non si conoscono le ripercussioni che questo satellite avrà sulla terra una volta funzionante e in orbita. La luce artificiale da esso creata, infatti, potrebbe interferire in modo negativo con la vita sul nostro pianeta. E recare danno non solo agli esseri umani, ma soprattutto alle piante e agli animali. Con possibili danni estremamente ingenti per l’ecosistema. La Cina si è detta però convinta del suo progetto e non ha intenzione di rinunciare. Non sappiamo a che punto siano arrivati gli scienziati ma, dato che il lancio è previsto per il 2020, è probabile che siano già a buon punto. E tra due anni la Cina potrebbe avere una luna tutta sua.

TAG:

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti