Le macchie sulla Sacra Sindone potrebbero non essere vere

Secondo una ricerca di due studiosi italiani, metà delle macchie presenti sulla Sacra Sindone non sarebbero vere

Una nuova ricerca sta gettando scompiglio su uno degli oggetti più venerati d’Italia: la Sacra Sindone, conservata nel Duomo di Torino.

Secondo Matteo Borrini e Luigi Garlaschelli – due studiosi rispettivamente dell’Università di Liverpool e del Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale (Cicap) – metà delle macchie di sangue presenti sulla Sacra Sindone sarebbero false. Secondo i due, infatti, non tutte sono compatibili con la posizione di un uomo crocifisso. I ricercatori hanno ricostruito – tramite una simulazione con diversi tipi di croci – le macchie sul lenzuolo per vedere in che modo si sono formate. Se le macchie sul torace e gli avambracci sono compatibili con quelli di un uomo crocifisso, non lo sarebbero quelle di polsi e regione lombare. La conclusione degli studiosi? Secondo loro la Sacra Sindone – che avrebbe avvolto Gesù nel sepolcro – altri non sarebbe che un prodotto artistico medievale. Nessun’analisi è stata invece effettuata sulla composizione delle macchie, quindi non è dato sapere se si tratti di sangue o altro materiale.

La Sacra Sindone, conservata nel Duomo di Torino e principale attrazione turistica della città, è un lenzuolo di lino che raffigura la sagoma di un uomo sottoposto probabilmente a tortura e in seguito crocifisso. Per la cultura cristiana altro non è che il lenzuolo che ha avvolto Gesù nel sepolcro. Secondo alcuni studi, la Sindone sarebbe risalente a un periodo compreso tra il 1260 e il 1390.

Il lenzuolo mostra due immagini – una frontale e una dorsale – che raffigurano un uomo nudo con barba e capelli lunghi, a grandezza naturale. Il corpo è poco visibile: se ci si avvicina troppo, infatti, non è possibile distinguerne i contorni, mentre si dovrebbe notare qualcosa a qualche metro di distanza. La Sacra Sindone è uno degli oggetti più studiati nella storia dell’uomo. Nella comunità scientifica ci sono molti dubbi sul fatto che questa abbia contenuto davvero Gesù e persino la Chiesa è molto scettica. Questa ha lasciato il compito di verificarne l’autenticità agli studiosi e si è tirata fuori da ogni posizionamento (anche se il culto della Sacra Sindone è autorizzato).

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti