Macchina del caffè, dovresti pulirla più spesso di quanto credi

Ecco come prendersene cura per assicurarsi di avere sempre un buon caffè

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

La tua caffettiera impiega più tempo del solito per preparare una tazza di caffè? Il tuo caffè ha un sapore stranamente bruciato, amaro e non come dovrebbe essere? C’è un odore sospettosamente acido e di muffa proveniente da qualche parte nella tua cucina? Potrebbe essere il momento di pulire la tua caffettiera.

Se in genere scarichi i fondi di caffè usati nel cestino, quindi dai un rapido risciacquo al cestello e alla caffettiera e la risolvi così, è tempo di riconsiderare le tue abitudini. Bisogna infatti pulire la caffettiera più a fondo e più spesso di quanto pensi.

I fondi di caffè contengono oli naturali che l’acqua da sola non è in grado di rimuovere, e lavare la caffettiera e il cestello del caffè con acqua non significa necessariamente pulirli. Di conseguenza, i residui di caffè e i depositi minerali rimasti dall’acqua si accumuleranno gradualmente causando l’ostruzione della caffettiera e l’erogazione di caffè amaro.

Tutto ciò non solo significa che spenderai un sacco di soldi per una nuova caffettiera prima del necessario, ma non ti godrai nemmeno un buon caffè quando lo preparerai.

La cosa migliore sarebbe disincrostare la macchinetta ogni tre mesi per eliminare i depositi minerali in modo da mantenerla pulita e farla funzionare al meglio. Oppure una volta al mese se usi acqua dura e non lavi la caffettiera con sapone dopo ogni utilizzo.

Durante la pulizia profonda usare dell’aceto di solito risolve il problema della rimozione del calcare dalla caffettiera. La rimozione del calcare andrebbe fatta almeno una volta alla settimana. Riempi il serbatoio dell’acqua della caffettiera con una parte di aceto bianco distillato e due parti di acqua. Esegui il ciclo dell’aceto due volte, quindi riempi il serbatoio con acqua fresca e fallo funzionare tutte le volte che servono per eliminare il sapore dell’aceto.

Oltre a questo, lavare il cestello, il filtro e la caffettiera dopo ogni utilizzo è molto utile. Lavali con acqua tiepida, una spugna e un detersivo per piatti. Se vedi che la caffettiera ha macchie di caffè ostinate che si rifiutano di andare via, prova a gettare una manciata di riso con acqua calda e sapone. Il riso strofinerà via tutta la sporcizia dalla pentola.

In alternativa, puoi anche usare un cucchiaio di bicarbonato di sodio per far brillare la tua caffettiera. Cospargi il bicarbonato di sodio nella pentola mentre è umida e strofina leggermente con la spugna. Questo eliminerà anche l’aceto rimasto nella pentola dal processo di rimozione del calcare.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti