Mamma orsa porta il suo cucciolo a passeggio sul Machu Picchu

In queste settimane senza turisti il sito archeologico del Machu Picchu ha avuto dei visitatori speciali: una mamma orsa con il suo cucciolo.

19 Gennaio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Da mesi ormai, non solo le città si sono svuotate ma anche i siti archeologici più celebri fanno i conti con l’assenza del turismo. Dall’Europa all’Asia, dall’America del Nord all’America Latina le immagini ci mostrano la solitudine di ambienti che eravamo abituati a vedere affollati. E tra le mete più ricercate a livello mondiale c’è anche il Santuario Archeologico di Machu Picchu, in Perù.

È proprio da quel luogo così antico che arrivano le immagini tenerissime di una mamma orsa che porta ‘a passeggio’ il suo cucciolo. Lo scorso 13 gennaio, infatti, il Ministerio de Cultura Cusco ha pubblicato sulla propria pagina Facebook un video che mostra i due esemplari di Orso dagli occhiali che si muovono tranquilli tra le rovine del sito.

Usciti dalla fitta foresta che circonda il santuario inca, mamma e cucciolo si sono fatti un giretto lungo i terrazzamenti dell’area orientale. E a immortalare quei momenti così inediti, in un luogo solitamente zeppo di turisti, sono stati gli operatori della Direzione Decentrata della Cultura di Cusco che non si sono lasciati sfuggire il privilegio di riprendere quella passeggiata.

Il video, in men che non si dica, ha collezionato like e condivisioni in rete e ha suscitato lo stupore degli utenti. Mamma orsa appare in piena salute mentre il piccolo, registrato solo qualche giorno prima, si muove giocoso. L’orso dagli occhiali – chiamato anche orso andino o orso di montagna – è di casa nella zona del Machu Picchu ma in tempi ‘normali’ non si sarebbe spinto tanto oltre la foresta.

Unica specie di orso che abita nel Sudamerica, questo orso è caratterizzato dal muso corto di cui è, tra l’altro, ultimo rappresentante ancora esistente. Così, sfruttando l’assenza dell’uomo, gli animali a poco a poco riconquistano il proprio terreno e la natura si riappropria degli spazi che per lungo tempo le erano stati sottratti.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti