Mangiamo tutto l'anno un frutto che non esiste in natura

Stiamo parlando dell'arancia, che in realtà è un incrocio tra altri due alimenti

13 Settembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

La frutta è un vero e proprio dono della natura. Colorata, succosa, saziante, piena di proprietà benefiche: ogni stagione ha le proprie specialità che invadon0 le nostre tavole e garantiscono la salute del nostro organismo. Insieme alla verdura, la frutta è qualcosa che non dovrebbe mai mancare nell’alimentazione di ciascuno di noi, e forse non ne mangiamo mai abbastanza. Non tutti però sanno che un frutto di cui ci cibiamo specialmente nei mesi invernali in realtà non esiste in natura. Certo, può sembrare una affermazione un po’ forte ma in qualche modo è davvero così.

Uva, banana, kiwi, mela, pesca, ciliegie: solo a nominare tutti questi frutti viene subito l’acquolina in bocca. La frutta è ricca d’acqua ma è anche un’ottima fonte di sostanze essenziali per il corretto funzionamento del corpo umano. C’è però un frutto che in natura non esiste realmente e sarebbe invece il frutto (scusate il gioco di parole) di un incrocio tra altri due alimenti.

Ma di quale stiamo parlando? Si tratta di un frutto che ormai si trova tutto l’anno, tranne due mesi in estate, come riporta Altranotizia.it. È ricco di vitamine e fa molto bene sotto diversi punti di vista. Grazie alle sue proprietà nutritive, si presta anche ad essere spremuto per diversi utilizzi e il suo succo è molto buono.

Ormai avrete capito: stiamo parlando dell’arancia, che in realtà non esiste in natura. Sarebbe infatti il frutto e il risultato di una specie di incrocio tra il mandarino e il pomelo. Per la prima volta è stata provata e sperimentata nel sud est dell’Asia e da allora si è diffusa in tutto il mondo. Anche se noi la conosciamo con il colore arancione, in Asia era ed è rimasta verde, infatti il suo colore dipende dal luogo e dalla temperatura in cui nasce e viene creata.

Nello specifico, tende a rimanere di colore verde nei posti in cui fa molto caldo e la clorofilla che si trova nella frutta non va a danneggiarsi; diventa arancione nei posti in cui fa più fresco.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti