Mangiare meduse fa bene? L'originale ricetta poco calorica

Ricche di proteine e collagene, le meduse si fanno largo anche nella cucina italiana: ecco una ricetta semplice e veloce per chi volesse provare

21 Agosto 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Quando le incontriamo in mare, cerchiamo di starci alla larga per evitare fastidiose irritazioni cutanee, ma le meduse, per quanto pericolose da vive, pare siano ottime per la salute da cotte. Non è usuale vedere nel menu dei ristoranti italiani un piatto a base di questo singolare abitante del mare, molto più presente invece sulle tavole asiatiche. Eppure anche gli chef nostrani stanno sperimentando, pare con successo, nuove, succulenti ricette a base di meduse.

Inserite da pochi anni nel novel food dall’Unione Europea, le meduse si stanno facendo largo, sebbene lentamente, nella tradizione gastronomica italiana. Chi ha avuto l’occasione di assaggiarle da cotte, assicura che il sapore è squisito, ricorderebbe quello del più comune polipo (il polipo fresco va congelato?). Ma oltre a soddisfare l’esigente palato dei buongustai del bel Paese, le meduse sono anche ottime alleate per la salute. Questi animali, infatti, rappresentano una consistente fonte proteica oltre ad essere ricchi di collagene, che combatte i segni dell’età.

Ma come cucinarle? Va ricordato che la parte urticante della medusa è rappresentata dai tentacoli, che secernono una sostanza tossica, responsabile delle irritazioni cutanee se ci si viene in contatto (ecco cosa fare per ottenere sollievo immediato in caso di irritazione). Per questo, la parte commestibile è il cappello, che può essere preparato in diversi modi.

Una ricetta facile e veloce da poter sperimentare anche a case potrebbe essere la medusa in pastella, suggerita da Slow Fish e rilanciata dalla nota rivista culinaria Sale&Pepe. Eliminata la parte urticante dell’animale, si sbollenta il cappello per due minuti in acqua e limone. Dopo questa veloce operazione, si asciuga la medusa con un canovaccio. Nel frattempo, si prepara la pastella con farina e acqua frizzante molto fredda. Infine, si immerge la medusa nella pastella e poi si frigge in olio ben caldo. Curiosi di provare?

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti