La mappa interattiva delle apparizioni della Madonna

Una mappa interattiva mette insieme tutte le apparizioni della Madonna, tra quelle riconosciute dal Vaticano e quelle ritenute non affidabili

Siete curiosi di sapere tutti i luoghi in cui è apparsa la Madonna? Ora c’è una mappa interattiva che mette insieme le apparizioni della Vergine Maria.

National Geographic, infatti, ha realizzato una mappa interattiva che unisce in una visione d’insieme tutti i luoghi in cui nell’arco della storia è apparsa la Vergine Maria, distinguendo le apparizioni approvate dal Vaticano da quelle ritenute di scarsa affidabilità.

Dal 1531, a causa del proliferare di queste apparizioni miracolose, la Chiesa Cattolica ha infatti iniziato a muoversi per analizzare e verificare questi fenomeni. La timeline di questi eventi è lunga, dal momento che il via è datato addirittura 40 d.C. e che si arriva fino ai giorni nostri.

Prendendo in considerazione caso per caso, la Chiesa Cattolica ha iniziato a stendere dei rapporti finalizzati a sancire la sua definitiva approvazione o la sua perentoria bocciatura.

Leggere la mappa interattiva delle apparizioni della Madonna è un “gioco da ragazzi” grazie alla leggenda fornita da National Geographic. Ad esempio, il simbolo delle croci segnala le apparizioni davanti a fedeli poi divenuti santi. Sulla mappa c’è la visita della Madonna di Guadalupe a Città del Messico.

I punti gialli indicano le apparizioni non riconosciute ufficialmente dal Vaticano, mentre i puntini rossi sono collegati agli eventi riconosciuti dalla Chiesa. Se questi puntini sono piccoli significa che l’approvazione è arrivata localmente a livello dei vescovi, mentre se sono grandi l’ok è arrivato direttamente dal Vaticano.

Sulla mappa interattiva delle apparizioni della Madonna di National Geographic ci sono, poi, alcuni simboli in blu: indicano gli eventi più recenti, ancora in attesa di un giudizio definitivo da parte della Chiesa.

National Geographic ha stilato la mappa interattiva delle apparizioni della Vergine Maria nella Storia nell’ambito di un progetto narrativo più grande, che coinvolge sia la versione cartacea sia un prodotto televisivo più complesso.

Non è la prima volta, però, che sul web si tenta di riunire in un unico contenitore tutte le apparizioni miracolose che si sono succedute negli anni. Il sito internet MiracleHunter.com, curato da Micheal O’Neill, li riunisce distinguendo distingue tra quelli approvati dalla Chiesa e quelli che invece sono stati negati.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti