Maradona contro Netflix e Paolo Sorrentino per il film su Napoli

Paolo Sorrentino torna a girare a Napoli per Netflix, ma Diego Armando Maradona minaccia di procedere per vie legali. Ecco perché.

14 Luglio 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Claudio Porcarelli

L’annuncio ufficiale è arrivato qualche giorno fa e i fan di Paolo Sorrentino già esultavano per l’arrivo su Netflix del film È stata la mano di Dio, grazie al quale il regista torna a girare nella sua Napoli. “Questo film, per me, significa esattamente tornare a casa” ha dichiarato Sorrentino annunciando appunto di prendere parte al progetto prodotto da Lorenzo Mieli e dallo stesso regista partenopeo.

Di diverso avviso è invece il protagonista – indiretto – della pellicola. Diego Armando Maradona, campione diventato ormai mito intramontabile del capoluogo campano, starebbe infatti procedendo per vie legali contro Netflix e contro lo stesso Paolo Sorrentino.

Sotto accusa il fatto che il team dietro la pellicola È stata la mano di Dio avrebbe usato la sua immagine senza chiedere nulla (tantomeno il consenso) dell’ex goleador. A dichiararlo è l’avvocato di Maradona, Matias Morla, che ha usato i social per ribadire le sue accuse contro il regista napoletano. Il titolo richiama infatti una celebre frase di Maradona, usata per descrivere il suo gol contro l’Inghilterra nella Coppa del Mondo del 1986 e probabilmente è questo il riferimento che ha dato fastidio al campione di calcio argentino, visto che Netflix ha negato che la pellicola riguarda Maradona e il mondo dello sport.

Insomma, non si tratta di un film biografico, ma di un ritratto di Napoli negli anni ’80, epoca in cui Sorrentino trascorreva tra i vicoli della città la sua gioventù. Parlare di Napoli senza parlare della sua squadra di calcio è però impossibile, e da qui deriva probabilmente anche il titolo scelto per il film. Maradona, tuttavia, non ci sta. E non è una sorpresa, considerando che l’entourage del campione si è sempre dimostrato particolarmente litigioso e poco incline al compromesso. Paolo Sorrentino risponderà alle accuse?

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti